Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Letta: “Sciopero Cgil-Uil inaspettato. Non possiamo bloccare Pnrr e campagna vaccinale”

enrico letta
Il segretario del Pd rilancia l'azione del Governo: "Non possiamo permetterci sei mesi di blocco per le elezioni anticipate". E sul Quirinale invita a "un largo consenso, anche con l'opposizione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lo sciopero in questo momento non me lo aspettavo, rispetto l’autonomia e sono per la separazione netta tra sindacato e politica, non mi metto a dare un giudizio sulle scelte fatte dai sindacati“. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, a Corriere.tv, commentando la decisione di Cgil e Uil di indire una mobilitazione per giovedì 16 dicembre. Il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha aperto a un dialogo con il Governo ma ha confermato lo sciopero, nonostante l’astensione della Cisl. “Io sono assolutamente favorevole perché ci sia massima unità possibile tra i tre sindacati – ha spiegato Letta -, lavorerò per aiutare una ricomposizione sindacale”.

“GOVERNO VADA AVANTI, NON POSSIAMO PERMETTERCI BLOCCO DI SEI MESI”

Per il segretario dem, l’esecutivo Draghi deve proseguire il suo lavoro. “È importante che l’impegno per la campagna vaccinale ed il Recovery vadano avanti per tutto l’anno prossimo, sarebbe sbagliato se il 2022 fosse un anno di crisi politica e di elezioni. Noi abbiamo un sistema che non permette una crisi di un mese”, infatti, le elezioni anticipate in Italia significano “sei mesi di blocco”.

“Se il Pd sarà ancora al Governo, ci impegniamo perché la decontribuzione per le fasce più deboli prevista nel 2022 dalla Manovra diventi permanente“, ha aggiunto Letta.

“DIBATTITO SUL QUIRINALE DISTRAE DA PNRR E PANDEMIA”

Intanto, continua a imperversare il toto-Quirinale. Dietro le quinte, i partiti lavorano per convincere il presidente della Repubblica uscente, Sergio Mattarella – reduce da una ovazione alla prima alla Scala di Milano, con tanto di richiesta di bis – a rimanere al Colle. Ma per Letta è ancora troppo presto per pensare all’elezione del nuovo capo dello Stato: “Ho sempre detto che cominciare troppo presto il dibattitto sul Quirinale avrebbe penalizzato tante priorità come la pandemia, la legge di bilancio e la messa a terra del Pnrr. Sono priorità che non consentono alcuna distrazione. Da gennaio discuteremo di Quirinale. In una situazione emergenziale sarebbe bene che il presidente o la presidente venisse eletto con un largo consenso. Se ci fosse anche l’opposizione sarebbe una cosa molto positiva“, ha sottolineato il segretario del Pd.

“SEGGIO ROMA 1? DOPO IL NO DI CONTE, DECIDE IL PD”

Letta è tornato anche sul rifiuto di Giuseppe Conte di correre per il seggio al collegio Roma 1 della Camera lasciato libero dal nuovo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. “La scelta di Conte non cambia la prospettiva” di una alleanza con il Movimento 5 Stelle, ha assicurato il leader dem. “Avevo immaginato per quel seggio una candidatura autorevole come quella di Conte, in queste ore il Pd romano farà le sue valutazioni e proporrà la candidatura migliore. Il rapporto col territorio è fondamentale, l’eccezione era Conte, ora la scelta è del Pd romano”. Parole che suonano come una chiusura alla proposta di Italia Viva di candidare la ministra per la Famiglia e le Pari Opportunità, Elena Bonetti.

“LIBERAZIONE ZAKI? DECISIVA LA SPINTA DEI GIOVANI”

Infine, il segretario del Pd ha parlato anche della scarcerazione di Patrick Zaki, dopo la decisione del tribunale di Mansoura di liberare lo studente egiziano dell’Università di Bologna in attesa della nuova udienza nel processo per diffusione di notizie false. “La spinta dei giovani per la liberazione di Zaki è stata una delle cose più belle, è stata fondamentale“. La sua scarcerazione, per Letta, è una “bellissima notizia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»