Le Marche si candidano per riconoscimento dei teatri storici come patrimonio Unesco

teatro_poltrone
L'assessore regionale alla Cultura, Giorgia Latini, ha avuto un primo incontro con l'ufficio Unesco, nel quale ha "presentato la straordinaria ricchezza di teatri storici della Regione e rappresentato la volontà di investire su questo patrimonio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Le Marche si candidano per il riconoscimento dei teatri storici come patrimonio culturale Unesco. La volontà dell’amministrazione regionale scaturisce dal fatto che le Marche sono caratterizzate da una ‘densità’ teatrale rispetto alla popolazione e al numero di Comuni molto alta. Per questo l’assessorato regionale alla Cultura ha sottoposto all’ufficio Unesco del segretariato generale del ministero della Cultura, l’esame di una proposta di candidatura Unesco dei teatri storici marchigiani per l’iscrizione nella lista propositiva italiana, come un unicum.

Abbiamo avuto un primo incontro con l’Ufficio Unesco– spiega in una nota l’assessore regionale alla Cultura, Giorgia Latini– nel corso del quale ho presentato la straordinaria ricchezza di teatri storici delle Marche e rappresentato la volontà di investire su questo patrimonio attraverso un processo di candidatura. Da un lato promuoviamo progetti e programmi di recupero e restauro dei teatri (‘Innovateatri’) dall’altro sosteniamo nuove forme di gestione degli spazi teatrali con una crescente partecipazione delle compagnie locali e dei giovani per creare teatri di comunità”. Sono 68 i teatri storici nelle Marche.

LEGGI ANCHE: Figliuolo: “Le Marche molto vicine ai valori target stabiliti dal Piano vaccinale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»