Coronavirus, rivolta in carcere a Bologna: 5 persone in ospedale

Sono tre detenuti e 2 agenti, nessuno di loro è grave
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Al momento è di cinque persone portate in ospedale, per fortuna in condizioni non gravi, il bilancio della rivolta scoppiata oggi nel carcere bolognese della Dozza. Si tratta, fa sapere l’Ausl, di tre detenuti, portati in codice 1 al Sant’Orsola, e di due agenti di Polizia penitenziaria, finiti all’Ospedale Maggiore in codice 2.
Per ora i detenuti che hanno dato vita alla rivolta (che comunque sono solo una parte delle circa 800 persone recluse nell’istituto) sono barricati, spiega Giovanni Battista Durante del Sappe, al piano terra giudiziario della struttura. Sul posto sono presenti Polizia, Carabinieri e Vigili del fuoco, oltre agli operatori del 118. Di fronte al carcere, infine, ci sono circa 30 persone che hanno esposto uno striscione con la scritta ‘Amnistia subito! Liber* tutt*!’.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, chi viola regole rischia il carcere. Il sindaco di ‘confine’: “Non chiedete dove sono controlli”

Stop alle visite nei penitenziari, detenuti in protesta nel carcere Ucciardone di Palermo

Modena, nella rivolta in carcere morti 6 detenuti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»