Migranti, Papa Francesco: “Soluzioni subito, Mediterraneo non resti un cimitero”

Il discorso del Papa al Corpo diplomatico dedicato alla questione delle migrazioni, sempre presente anche nei sei discorsi precedenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È con dolore che si continua a constatare come il Mare Mediterraneo rimanga un grande cimitero. È sempre piu’ urgente, dunque, che tutti gli Stati si facciano carico della responsabilita’ di trovare soluzioni durature”. È la parte del discorso del Papa al Corpo diplomatico dedicata alla questione delle migrazioni, sempre presente anche nei sei discorsi precedenti.

“Occorre rilevare che nel mondo vi sono diverse migliaia di persone, con legittime richieste di asilo e bisogni umanitari e di protezione verificabili, che non vengono adeguatamente identificati”, la denuncia di Francesco, che ha assicurato che da parte sua “la Santa Sede guarda con grande speranza agli sforzi compiuti da numerosi Paesi per condividere il peso del reinsediamento e fornire agli sfollati, in particolare a causa di emergenze umanitarie, un posto sicuro in cui vivere, un’educazione, nonche’ la possibilita’ di lavorare e di ricongiungersi con le proprie famiglie”.

Tra le crisi umanitarie in atto, il Papa ha citato quella dello Yemen, “che vive una delle piu’ gravi crisi umanitarie della storia recente, in un clima di generale indifferenza della comunita’ internazionale”, e della Libia, “che da molti anni attraversa una situazione conflittuale, aggravata dalle incursioni di gruppi estremisti e da un ulteriore acuirsi di violenza nel corso degli ultimi giorni”.

Tale contesto, ha avvertito Bergoglio, “e’ fertile terreno per la piaga dello sfruttamento e del traffico di essere umani, alimentato da persone senza scrupoli che sfruttano la poverta’ e la sofferenza di quanti fuggono da situazioni di conflitto o di poverta’ estrema. Tra questi- ha denunciato ancora il Pontefice- molti finiscono preda di vere e proprie mafie che li detengono in condizioni disumane e degradanti e ne fanno oggetto di torture, violenze sessuali, estorsioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»