Centrafrica, il gruppo ribelle 3R denuncia l’Accordo di pace

L’annuncio di 3R delle "minacce e provocazioni" da parte dell'esercito arriva una settimana dopo il monito dei peacekeeper Onu ai ribelli
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Uno dei principali gruppi armati della Repubblica Centrafricana ha annunciato la propria uscita dagli accordi di pace firmati tra governo e gruppi ribelli nel febbraio 2019, denunciando “minacce e provocazioni” da parte dell’esercito.

3R FUORI DALL’ACCORDO DEL 2019 

Il movimento 3R (Retour, Reclamation et Rehabilitation) è uno delle 14 milizie antigovernative ad aver sottoscritto l’Accordo politico per la pace e la riconciliazione nella Repubblica centrafricana (Appr-Rca) siglato in Sudan dopo una lunga negoziazione guidata dall’Unione Africana (Ua) e sostenuta dall’Onu.

Il capo del movimento, Sidiki Abbas, ha reso noto di aver sospeso qualsiasi partecipazione della sua organizzazione agli organi esecutivi sanciti dall’accordo e ha anche invitato i suoi militanti a “rispondere con la massima forza in caso di attacco” da parte delle forze del governo del presidente Faustin-Archange Touadéra.

LE VIOLAZIONI DEI RIBELLI

La decisione del capo del gruppo 3R, noto anche con il nome di Sidi Bi Soulemane, è giunta circa una settimana dopo gli avvertimenti dei dirigenti della Missione delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana (Minusca), che avevano lamentato la tendenza “espansionistica” dei ribelli in zone del Paese al di fuori della loro giurisdizione, in violazione degli accordi di pace.

A partire dal 2012, il conflitto nella Repubblica Centrafricana, con il coinvolgimento di gruppi ribelli della coalizione Seleka, governo centrale e milizie dette “Anti-balaka”, ha provocato oltre 5.000 morti e centinaia di migliaia di sfollati.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»