Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, Italia ancora a medaglia ma nella Madison delusione per Viviani

viviani-min
Dal 24 luglio l'Italia è sempre salita sul podio ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, anche 'solo' per un bronzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dalla nostra inviata Erika Primavera

TOKYO – Neanche un giorno senza una medaglia. Dal 24 luglio l’Italia è sempre salita sul podio ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, anche ‘solo’ per un bronzo. Proprio come successo oggi con la numero 39 della spedizione firmata da Abraham Conyedo nella categoria 97 kg della lotta: l’azzurro nato a Cuba ha conquistato la sua medaglia superando prima il canadese Jordan Steen per 4-2, poi nella finale per il terzo posto il turco Suleyman Karadenz, con il risultato di 6-2 dopo essere stato in svantaggio (0-2) per la prima parte di gara.

Con l’avvicinamento alle fasi conclusive dei Giochi, si assottiglia anche il programma gare e di conseguenza la partecipazione degli azzurri. La buona notizia arriva dalle Farfalle della ginnastica ritmica, che volano alla finale di domani nell’all around con il terzo punteggio: appuntamento all’Ariake Gymnastycs Centre alle 11 locali, le 4 del mattino in Italia, per sognare con le ragazze capitanate da Alessia Maurelli. Nella gara individuale, invece, Milena Baldassarri ha disputato le quattro rotazioni con cerchio, palla, clavette e fune, chiudendo al sesto posto con 99.625 punti.

L’atletica nella serata di Tokyo ha visto scendere in pista la 4×400 maschile composta da Davide Re, Vladimir Aceti, Edoardo Scotti e Alessandro Sibilio: settimo posto per loro ma di nuovo record italiano migliorato, 2’58″81, nella gara vinta dagli Stati Uniti. Nella maratona femminile 32esimo piazzamento per Giovanna Epis, che ha percorso il tracciato di Sapporo in 2h35″09. Delusione per il ciclismo su pista, nella gara che doveva vedere protagonista il portabandiera azzurro Elia Viviani, in coppia con Simone Consonni. Nella Madison dell’Izu Velodrome i due non riescono ad entrare in gara e chiudono la loro prova al decimo posto nella gara vinta dalla Danimarca campione del mondo in carica.

Nella categoria +61 kg del karate, specialità kumite, Silvia Semeraro ha battuto la giapponese Ayumi Uekusa 4-3 ma è stata sconfitta nel secondo incontro dalla kazaka Sofya Berultseva 1-5 e successivamente dall’azera Iryna Zaretska 2-3. È tornata al vincere invece contro Meltem Hocaoglu Akyol (TUR) per 9-4 ma non è bastato per consentirle di accedere alla semifinale. Infine, nel nuoto sincronizzato, la squadra composta da Beatrice Callegari, Domiziana Cavanna, Linda Cerruti, Francesca Deidda, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli ed Enrica Piccoli ha concluso al quinto posto la gara con 184.1372 punti, al termine del programma libero (98.8000), migliorando la sesta posizione occupata ieri dopo la prova tecnica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»