Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Esplosione Bologna, fuori pericolo i due ustionati ricoverati a Cesena

Non sono in pericolo di vita i due ricoverati all'ospedale Bufalini di Cesena, in seguito all'incidente di ieri in tangenziale a Bologna.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Non sono in pericolo di vita i due ricoverati all’ospedale Bufalini di Cesena, in seguito all’incidente di ieri in tangenziale a Bologna. Si tratta di M.R. un poliziotto 31 enne originario di Lecce, del commissario Santa Viola di Bologna, e di un ragazzo bulgaro 17enne.

Entrambi hanno ustioni di secondo grado, abbastanza profonde ma non estese e per il primo i medici stanno valutando se sia necessaria un’operazione chirurgica. Al momento le condizioni dei due feriti, spiega il direttore del reparto Grandi ustionati, Davide Melandri, “non destano preoccupazioni”.

Questa mattina poco dopo le 9 hanno ricevuto la visita del presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, subito ripartito per l’ospedale Maggiore di Bologna dove incontrerà gli altri feriti nell’incidente.

Il poliziotto, ieri, è stato tra i primi a intervenire trovandosi casualmente sul posto. Sceso dalla volante subito dopo la prima esplosione si è attivato per allontanare la gente prima di essere investito, fortunatamente di spalle, dalla seconda esplosione che gli ha sciolto addosso la maglietta ignifuga in dotazione.

Il giovane bulgaro, invece, col quel peraltro oggi il premier ha parlato in inglese, ieri stava facendo merenda con alcuni amici quando è stato travolto dall’esplosione. Dovrebbe guarire entro 30-40 giorni.

LEGGI ANCHE:Bologna, riapre il raccordo di Casalecchio ma restano chiusi gli svincoli verso la A14Bologna, ecco il video dell’incidente che ha causato l’esplosione a Borgo PanigaleBologna, esplode camion in tangenziale a Borgo Panigale: 1 morto, oltre 60 feriti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»