Morta la donna africana colpita dallo scoppio di una bombola nella baraccopoli di Borgo Mezzanone

L'esplosione avvenne nella notte tra il 3 e 4 febbraio, le ustioni avevano colpito il 90% del suo corpo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – È morta la donna di origini africane rimasta ustionata dallo scoppio di una bombola del gas nella baraccopoli di Borgo Mezzanone (Foggia) avvenuta nella notte fra il 3 ed il 4 febbraio. La vittima era stata trasportata a Bari ed era ricoverata nel reparto di Rianimazione del Policlinico barese.

LEGGI ANCHE: Foggia, ‘le ruspe di Salvini’ abbattono il ghetto dei migranti a Borgo Mezzanone

Le ustioni avevano colpito il 90 per cento del suo corpo. La sua identità resta sconosciuta perché non sono stati trovati documenti. L’esplosione della bombola aveva provocato un incendio che ha distrutto alcune baracche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»