Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calenda è sicuro: “Sarò sindaco di Roma. Vinciamo primo turno e ballottaggio”

carlo calenda
Il leader di Azione presenta la llista per le Comunali: "Solo quattro persone hanno già esperienze nei partiti, dimostreremo che si può fare politica diversamente"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono convinto che arriveremo primi al primo turno e vinceremo al ballottaggio“. Così il candidato sindaco di Roma, Carlo Calenda, a margine della presentazione della sua Lista in vista delle elezioni comunali a Roma. Età media 51 anni. Il 90% dei candidati laureati. Il 70% mai iscritto a partiti, il 10% di origine straniera. Tutte le professioni rappresentate, tra le altre, ingegneri, medici, architetti, insegnati, imprenditori. Sono queste alcune delle cifre e caratteristiche della Lista civica a sostegno di Carlo Calenda, l’unica a correre per il leader di Azione.

LUIGIA LUCIANI POSSIBILE VICESINDACA

I candidati sono stati presentati questa mattina nella sede del comitato alla presenza del candidato sindaco. “La mia è una vera lista civica – rivendica Calenda – visto che solo quattro persone vengono da esperienze amministrative con partiti mentre il 50% ha già preso parte ad attività associative”. Tra i tanti presenti oggi c’era Luigia Luciani, ex voce radiofonica tra le più apprezzate e note a Roma e possibile vicesindaca, Francesco Carpano, assessore all’Ambiente in pectore, la consigliera municipale Flavia De Gregorio e, tra gli sponsor politici in sala, Riccardo Magi di +Europa e Luciano Nobili di Italia Viva.

“LA CITTÀ È DISPERATA, FAREMO POLITICA IN MODO DIVERSO”

“Roma è una città disperata e i cittadini si chiedono se sia governabile dopo tanti fallimenti – ha commentato Calenda – Per questo abbiamo voluto dare discontinuità anche nella composizione della lista e faremo capire che c’è un modo diverso di fare politica presentando persone per bene e competenti”.

“SCHIERAMENTO GUALTIERI? UN FRITTO MISTO”

Il leader di Azione ha anche criticato le liste a sostegno di Roberto Gualtieri: “Il suo schieramento è un fritto misto. Dentro ci trovi da Onorato, che ha sempre rappresentato la destra, a Christian Raimo, e in mezzo ci stanno gli ex 5 Stelle. Come fai a governare con questo fritto misto? Noi – ha aggiunto Calenda – abbiamo scelto di fare una lista unica e respinto anche molte persone candidate negli altri schieramenti. Questo perché il sistema delle liste a strascico rende impossibile governare Roma e rende diffuso il sistema di lottizzazione delle municipalizzate”.

UNA CAMPAGNA DA 200MILA EURO, C’È ANCHE IL PORTA A PORTA

Il candidato sindaco di Roma ha anche dato i dettagli e i costi della campagna per provare a salire al Campidoglio: “Sta partendo una grande campagna di comunicazione. Useremo 430 autobus campagna e 15 vele. Partirà anche la campagna radio e quella porta a porta. Il costo? Circa 200mila euro, con molti finanziatori tra gli imprenditori del Nord“. Calenda ha aggiunto: “Oggi lanceremo poi il porta a porta, ed è la prima volta che viene fatto realmente in Italia. I volontari, circa mille, sono stati formati per parlare e rispondere alle domande dei cittadini e, con loro, andrò io stesso. In caso fa sempre bene prendersi qualche calcio nelle sedere”, ha concluso ironicamente il leader di Azione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»