Di Maio: “Abbiamo salvato la Pernigotti, accordo storico”

"La crisi della Pernigotti è nata sotto questo governo, ma è stato fatto un accordo in tempi record"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo salvato la Pernigotti, è un accordo storico. Lo stabilimento di Novi Ligure resterà aperto e non ci saranno esuberi e soprattutto l’ho sempre detto che chi lavora per un marchio e lo rende grande nel mondo non può essere licenziato”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, subito dopo il tavolo con le parti sociali sulla Pernigotti. Il ministro ha tenuto un punto stampa al Mise circondato da pacchetti di cioccolatini Pernigotti che ha offerto ai cronisti presenti.

“Se questo marchio è grande nel mondo- ha aggiunto Di Maio- è per i lavoratori, e oggi grazie a questo accordo i dipendenti della Pernigotti continueranno a lavorare tutti, sia per Pernigotti che per altri marchi. Questo vuol dire che possiamo aumentare l’occupazione. La crisi della Pernigotti è nata sotto questo governo, ma è stato fatto un accordo in tempi record. Voglio fare i complimenti alle parti sedute al tavolo”.

Poche ore prima, Di Maio aveva rivendicato su facebook i risultati ottenuti dal suo ministero: “Buongiorno a tutti, con molta umiltà in 24 ore: il MoVimento ha aiutato migliaia di giovani e le loro idee, dando il via al fondo nazionale innovazione per le start up, le nuove imprese; abbiamo firmato il decreto “Resto al sud” per i giovani imprenditori; oggi faremo approvare in consiglio dei ministri il decreto imprese che salva lavoratori Whirlpool e dà tutele ai rider; abbiamo stabilito la confisca immediata e definitiva delle navi Ong che violano le regole dello Stato italiano. In 24 ore noi abbiamo fatto questo”.

LEGGI ANCHE: Lavoro, i Riders di Bologna contro Di Maio: “Norma inutile e deludente”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»