Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Hotel Pianosa”, l’isola dei detenuti nel film di Scurati

Sara' proiettato domani a Firenze. Un viaggio nella storia di 27 detenuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Si chiama ‘Hotel Pianosa‘ ed e’ il film di Lorenzo Scurati, con i testi di Guido Silei e Valerio Trapasso, che sara’ proiettato al cinema La Compagnia di Firenze (via Cavour 50/r) domani (ore 17.00). E’ un film che porta l’attenzione del pubblico sulla realta’ dell’isola toscana, per anni sinonimo di colonia penale e che oggi vive una nuova dimensione turistica, che si realizza proprio grazie al lavoro di alcuni detenuti.
La telecamera di Lorenzo Scurati va ad indagare nella doppia anima dell’isola di Pianosa, che fin dall’800 ho ospitato un carcere e che oggi, terminata quella triste vocazione, e’ diventata una meta per tanti turisti, italiani e internazionali, la cui accoglienza e’ affidata proprio ad un gruppo di detenuti, in regime di semiliberta’, provenienti da un altro penitenziario, quello di Porto Azzurro all’Isola d’Elba.

Il documentario e’ un viaggio nella storia di 27 detenuti, che hanno ottenuto di poter lavorare a Pianosa, e nei loro racconti densi di sentimenti di riscatto e speranza in un futuro migliore. La proiezione e’ ad ingresso libero. Al termine della proiezione, incontro/dibattito sul tema: ‘Dalla colonia penale alle prospettive di lavoro per il detenuto’.

(www.redattoresociale.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»