Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 5 novembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SPERANZA: ALLARGARE SUBITO TERZA DOSE AD ALTRE FASCE DI ETÀ

Allargare subito la terza dose ad altre fasce di età, a partire dalla prossima settimana. Con l’obiettivo di contrastare la quarta ondata della pandemia che spaventa l’Europa e che si fa sentire anche in Italia, dove dopo due mesi l’indice Rt risale oltre quota uno. Il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario all’emergenza Francesco Figliuolo rilanciano la campagna vaccinale e chiedono a tutti di non abbassare la guardia. “Dobbiamo continuare a indossare le mascherine al chiuso, a stare distanziati e a rispettare le norme igieniche”, esorta Speranza. Il green pass, sottolinea il ministro, “è stato fondamentale, non ci sono in vista cambiamenti delle regole”. I dati più allarmanti riguardano i non vaccinati, che si contagiano 6 volte di più degli immunizzati. “Siamo in grado di assicurare a tutti la terza dose”, dice il generale Figliuolo. Intanto l’Aifa si è già attivata per acquistare il farmaco orale anti Covid.

SALE INDICE RT, TUTTE LE REGIONI A RISCHIO MODERATO

Accelera in Italia la pandemia di Covid. Secondo il monitoraggio della cabina di regia del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità l’indice Rt è salito all’1,15, in aumento rispetto allo 0,96 della settimana precedente. E’ la prima volta che l’indice supera l’1 dal 27 agosto. Aumenta anche l’incidenza che tocca i 53 casi per 100mila abitanti, sopra la soglia di rischio di 50 per 100mila. In salita anche l’occupazione dei posti letto nei reparti ordinari e nelle terapie intensive. Il tasso di occupazione di quest’ultime, infatti, sale dal 3,7 al 4%. Quello delle aree mediche dal 4,5 al 5,3%. Questi numeri fan sì che tutte le regioni risultino classificate a rischio moderato, in aumento quindi rispetto al precedente monitoraggio quando erano 18 su 21.

COMMERCIO, LE VENDITE TORNANO A LIVELLI PRE-PANDEMIA

Buone notizie sul fronte del commercio. Il volume delle vendite, registra l’Istat, è tornato ai livelli pre-pandemia di febbraio 2020. Gli aumenti, trainati dal recupero dei beni non alimentari, riguardano sia il valore sia il volume delle vendite. L’Istat osserva una crescita tendenziale per quasi tutti i gruppi di prodotti, a eccezione di mobili, articoli tessili e arredamento. Gli aumenti maggiori riguardano elettrodomestici, radio, tv e registratori, che fanno segnare un +26%. Per i beni alimentari, invece, si registra un aumento in valore e una lieve diminuzione in volume. Le vendite al dettaglio crescono in tutti i canali distributivi: grande e piccola distribuzione, ma è soprattutto il commercio elettronico a sorridere: +18,8% rispetto a un anno fa.

CLIMA, GRETA E VANESSA A COP26 GLASGOW: È IL GIORNO DEI GIOVANI

I giovani irrompono alla Cop26 di Glasgow. Guidati da Greta Thumberg e dall’attivista ugandese Vanessa Nakate, migliaia di ragazzi e ragazze faranno sentire la loro presenza ai rappresentanti delle istituzioni da giorni riuniti per il vertice sul clima e lo fanno con il consueto sciopero del venerdì che questa volta ha una valenza maggiore: i giovani attivisti infatti si sono dati appuntamento a Kelvingrove Park con l’obiettivo di marciare fino alla centrale George Street, dove parleranno Greta e Vanessa per provare a mettere maggiormente pressione ai grandi della terra, finora considerati poco determinati nel valutare il problema come prioritario. In testa al corteo anche i giovani delle popolazioni indigene dell’Amazzonia, con i tipici copricapo di penne colorate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»