Motopesca sequestrati in Libia, Anci Sicilia: “Dal governo serve segnale concreto”

Lo dichiara Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia, in merito alla vicenda dei 18 marittimi di Mazara del Vallo sequestrati due mesi fa
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – “Chiediamo al governo nazionale un intervento immediato che consenta il rilascio dei marittimi e dei motopescherecci catturati da Hatfar. C’è un grande sentimento di preoccupazione, le famiglie sono in uno stato di ansia ormai da due mesi”. Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia, in merito alla vicenda dei 18 marittimi di Mazara del Vallo sequestrati in Libia.

LEGGI ANCHE: Sequestrati da una motovedetta libica due pescherecci di Mazara del Vallo

“Ci conforta sapere, come specificato dall’ambasciatore italiano a Tunisi, che i marittimi stiano bene fisicamente ma sappiamo anche che sono molto provati psicologicamente e che non sono in grado di reggere ulteriormente questa tensione – aggiunge Orlando -. Per questi motivi è assolutamente necessario pervenire ad una rapida soluzione”.

LEGGI ANCHE: La preghiera del vescovo di Mazara per i marittimi detenuti in Libia: “18 vite non hanno prezzo”

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»