La preghiera del vescovo di Mazara per i marittimi detenuti in Libia: “18 vite non hanno prezzo”

Ieri sera monsignor Domenico Mogavero è intervenuto alla Veglia di preghiera per i 18 marittimi che si trovano rinchiusi nella prigione di El Kuefia da più di 50 giorni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Da un lato l’appello accorato al Governo a “far presto”, dall’altro vicinanza solidale alle famiglie. Così ieri sera il Vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, alla Veglia di preghiera per i 18 marittimi residenti in città che si trovano rinchiusi nella prigione di El Kuefia da più di 50 giorni

“Non si può perdere di vista che 18 vite umane non hanno prezzo – ha detto Mogavero – qualunque soluzione, anche basata su un onorevole compromesso, deve essere ricercata, bruciando i tempi, divenuti ormai troppo lunghi e gravosi per tutti: per i prigionieri e per chi ne attende la desiderata liberazione”. Nella parrocchia San Lorenzo di Mazara, nel Trapanese, piena di familiari e fedeli, Mogavero ha detto che il solo sforzo del governo “non basta”. Ai familiari “le sole parole di conforto non bastano e la stessa vicinanza dimostrata a loro in più modi e in più circostanze hanno un significativo valore simbolico, ma non alleggeriscono – ha aggiunto – la pesantezza della loro pena e non risanano le ferite del cuore”. 

Alla veglia ha partecipato anche l’Imam della moschea cittadina, Ahmed Tharwa. Tra i marittimi sequestrati ci sono anche 6 tunisini e 2 senegalesi. “Siamo in un momento di angoscia – ha detto l’Imam – siamo tutti una famiglia e preghiamo per l’unico Dio per la liberazione dei nostri fratelli”. Il vescovo ai cittadini mazaresi, e in particolare alla gente di mare, ha chiesto “attenzione e vigilanza“, ma anche “di non sentirsi tranquilli, fino a che non potremo tutti riabbracciare i nostri marittimi finalmente liberi e restituiti alle loro famiglie”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»