hamburger menu

Scontro totale Calenda-Bonelli-Fratoianni, coalizione a rischio. In casa Pd è allarme

Il leader di Azione intima a Letta di decidere: "O noi o loro". E il co-portavoce di Europa Verde lo punge: "Lavora per la destra?". Franceschini: "Fermatevi". E anche Di Maio ne ha per Calenda

08-08-2022 11:25
bonelli_calenda_fratoianni
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “O noi o loro”. Carlo Calenda legge le dichiarazioni di Angelo Bonelli e Nicola Fratoianni e intima a Enrico Letta, con il quale ha stretto un patto elettorale, di scegliere. Nel frattempo il leader di Azione fa sapere che lui non potrà andare in coalizione con chi sostiene posizioni contrarie all’agenda Draghi e alla Nato.

LEGGI ANCHE: Elezioni, benvenuti a casa Calenda: “Carlo, fai la lavatrice”

BONELLI: “CALENDA LAVORA PER LA DESTRA?”

“A queste condizioni per quanto ci concerne non c’è spazio per loro. Sono linee rosse per noi e per Più Europa. Adesso decida Letta“, spiega Calenda, che ha cominciato a twittare all’alba. A scatenare le sue ire, le posizioni di Fratoianni e Bonelli. Il primo interviene sull’agenda Draghi. “Anche Draghi dice che non esiste, Calenda corra in cartoleria…”, ironizza. L’altro invita Calenda a “stare sereno”, e arriva addirittura a ipotizzare che “lavori per favorire la destra”. Intendenza col nemico, non c’e’ accusa piu’ dura in politica.

LEGGI ANCHE: Bonelli contro Calenda, ma era candidato dei ‘calendiani’

LA FURIA DI CALENDA

Calenda è furibondo: “Abbiamo fatto una scelta di responsabilità molto sofferta ma a condizioni nette. Non siamo disponibili a rivedere nessun punto di quanto sottoscritto. Ogni giorno vediamo aggiungere alla coalizione un partito zattera e iniziative incoerenti con quanto definito. Anche basta”, cinguetta (si fa per dire).

Fonti di Azione spiegano che la tensione di queste ore nasce dalla constatazione che di fronte ai continui attacchi personali di Bonelli e Fratoianni, alla continua messa in dubbio dell’agenda Draghi e al voto contrario all’allargamento della Nato di Fratoianni, il Pd non ha preso posizione.

CALENDA LEGGE BONELLI E CHIEDE A LETTA: MA SI PUÒ STARE INSIEME COSÌ?

“Vorrei capire se si può pensare di lavorare insieme così Enrico Letta. Boh”, scrive Calenda su Facebook commentando un post che riporta dichiarazioni di Bonelli, co-portavoce di Europa verde e ‘metà’ del cartello Alleanza Sinistra-Verdi con Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra italiana. La dichiarazione in questione vede Bonelli definire Calenda “bambino capriccioso che va educato” perché “se sei viziato cresci male”, parlando di una “funzione pedagogica” dell’Alleanza Sinistra-Verdi.

IN CASA PD SCATTA L’ALLARME (E L’IRONIA)

Nel Partito democratico le sue posizioni fanno salire l’allarme. È chiaro che una coalizione senza Sinistra Italiana e Verdi vedrebbe i Dem consegnati ad Azione, in un’alleanza a trazione centrista. Una prospettiva inaccettabile per gran parte del Pd. In attesa che intervenga il segretario Enrico Letta, i timori vengono esorcizzati con l’ironia. Sulle chat dem circola il tweet di Charles de Batz de Castelmore – Conte d’Artagnan, profilo di satira politica.

“Calenda alle prossime elezioni spiegato bene…”, è il cinguettio che commenta il video di un lottatore tanto scalmanato quanto inconcludente. Dopo una serie di mosse ad effetto, viene messo al tappeto da un solo colpo.

L’APPELLO DI FRANCESCHINI: “FERMATEVI”

A Carlo Calenda e Nicola Fratoianni: fermatevi! Ci aspetta una sfida molto più grande dell’interesse dei nostri partiti: evitare che l’Italia finisca in mano a una destra sovranista e incapace. Per iniziarla e vincerla occorre rispettarci a vicenda e accettare le nostre diversità“. Così il ministro della Cultura ed esponente del Pd, Dario Franceschini.

CALENDA A FRANCESCHINI: “IL VOLEMOSE BENE NON FUNZIONA”

“Dario, il terzismo alla volemose bene con noi non funziona – replica subito su Twitter Calenda – . Avete firmato un patto. Nato, rigassificatori, equilibrio di bilancio, revisione rdc, agenda Draghi. Dall’altro lato c’è una dichiarazione al minuto contro tutto questo. Chiarite. Decidete. Punto”. Il leader di Azione aggiunge: “L’interesse dei partiti non conta nulla. Conta dare al Paese una prospettiva di Governo seria. Questi erano i patti”.

E ANCHE DI MAIO ATTACCA CALENDA

“Dopo essere partito dal “grande centro”, Calenda è diventato un ‘gregario’ della coalizione di centrosinistra“. Inizia così la nota di Luigi Di Maio, capo politico di Impegno Civico, contro il leader di Azione. “Di conseguenza, capisco le sue difficoltà a spiegare, anche ai nuovi arrivati del suo partito e al suo elettorato, che alla fine si candida nel centrosinistra – prosegue il ministro degli Esteri -. Sorprende, però, che alla fine proprio Calenda – che si innalza a paladino dell’anti-grillismo – nelle sue dichiarazioni e nei suoi tweet sia diventato il più estremista di tutti. Con questo atteggiamento sta solo disgregando la coalizione di centrosinistra prima ancora che si formi, facendo un regalo alle destre. Ovviamente Calenda può fare quello che vuole, ma con meno arroganza e più rispetto“, conclude Di Maio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-08T11:25:37+02:00