Tg Politico Parlamentare, edizione del 5 marzo 2021

Il Papa in Iraq: "Tacciano le armi", petizioni per Zingaretti: "Nicola, ripensaci" e sui vaccini il ministro Speranza dichiara: "Pronti ad acquistare dosi di Sputnik" tra le notizie di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

IL PAPA IN IRAQ: TACCIANO LE ARMI

“Tacciano le armi!” ammonisce Papa Francesco, nel primo discorso del suo storico viaggio in Iraq, la terra di Abramo. Rivolto alle autorità politiche e religiose, nel palazzo presidenziale di Baghdad, Bergoglio auspica che le nazioni non ritirino dal popolo iracheno “la mano tesa dell’amicizia e dell’impegno costruttivo”, ma continuino a operare in spirito di comune responsabilità. Il pontefice invita a dare voce “ai costruttori e agli artigiani della pace. Ai piccoli, ai poveri, alla gente semplice, che vuole vivere, lavorare. “Basta estremismi!”, dice il Papa. Sabato 6 marzo si terrà l’incontro interreligioso ad Ur dei caldei. Il Papa pregherà con un centinaio di rappresentanti delle diverse religioni, dai cristiani ai musulmani sunniti e sciiti, ma anche mandei, yazidi, ebrei.

VACCINI, L’ITALIA ORA GUARDA A SPUTNIK

Stop all’esportazione in Australia di vaccini prodotti in Italia. Accelerazione della campagna di somministrazione, aumentando i punti vaccinali, e apertura all’acquisto dello Sputnik. Il governo si muove in più direzioni nel tentativo di recuperare il terreno perduto. “Siamo pronti ad acquistare dosi di Sputnik- dice il ministro Speranza– prima però serve il via libera dell’Agenzia europea del farmaco”. Per Giorgia Meloni, invece, esiste già una legge che permetterebbe al governo di saltare gli ostacoli burocratici: “L’Europa ha fallito- attacca- valutiamo rapidamente Sputnik”. Intanto i vaccinati hanno superato quota 5 milioni. Una spinta potrebbe arrivare da Astrazeneca, se l’Aifa nelle prossime ore autorizzerà l’uso per gli over 6

PETIZIONI PER ZINGARETTI: NICOLA, RIPENSACI

Nicola Zingaretti non tornerà sui suoi passi. Nonostante gli appelli pubblici e le petizioni che gli chiedono di ripensarci e ritirare le dimissioni, il segretario del Pd annuncia pubblicamente che un ripensamento non è nell’ordine delle cose. “Faccio un passo di lato e mi atterrò a quello che deciderà l’assemblea nazionale”, dice invece, ritornando a condannare le polemiche interne finalizzate, spiega, a colpire lui. In veste di presidente della Regione Lazio inaugura un grande progetto per la rinascita delle periferie. Un particolare che alimenta l’ipotesi che possa candidarsi alle amministrative capitoline, ad ottobre. “Per ora faccio il governatore”, taglia corto lui. Intanto per domani le Sardine annunciano una sorta di occupazione pacifica del Nazareno.

CONTRATTI PUBBLICI, MERCATO IN RIPRESA

Nel 2° quadrimestre 2020 il mercato dei contratti pubblici ritorna a crescere, dopo la flessione del 1° quadrimestre dovuta all’emergenza sanitaria, e lo fa superando persino i numeri del periodo precedente la pandemia, sia come numero di gare che come valore economico: questo il risultato principale che emerge dal 2° rapporto quadrimestrale dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, relativo alle procedure di affidamento perfezionate di importo pari o superiore a 40.000 euro nel periodo maggio-agosto 2020. “Ora dobbiamo e possiamo fare di più – dice il presidente dell’Autorità Giuseppe Busia – renderemo tutta la filiera degli appalti più snella e trasparente con la digitalizzazione e la condivisione della Banca dati nazionale dei contratti pubblici”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»