Vaccino, Speranza: “Pronti ad acquistare Sputnik ma serve ok Ema”

roberto speranza
Gelmini: "Il criterio del Governo e' utilizzare vaccini che abbiano l'autorizzazione da parte dell'Ema".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ci interessa dove sia stato studiato e prodotto ma che sia sicuro ed efficace. E questo deve fare l’Agenzia europea. Noi siamo pronti ad acquistare anche il vaccino russo, purche’ Ema dica con sicurezza che e’ efficace e sicuro. Per farlo deve fare verifiche agli stabilimenti”. Lo ha detto, secondo quanto apprende l’Agenzia Dire, il ministro della Salute Roberto Speranza durante il vertice governo-regioni.

VACCINO. GELMINI: CHIARIRE PRIORITÀ, SU SPUTNIK ATTENDIAMO OK EMA

Quello di oggi, e’ un “primo incontro positivo. E’ stata un’occasione per condividere l’intento di accelerare il piu’ possibile la stagione dei vaccini per creare una sinergia tra la filiera commissariale, quella della protezione civile e i servizi sanitari delle singole regioni. Molti spunti, molte proposte con l’idea di fare presto”. Lo ha detto la ministra degli Affari regionali, Mariastella Gelmini al termine del vertice tra Governo e Regioni con il commissario all’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo e il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio.

“Una cornice nazionale e’ indispensabile- ha aggiunto Gelmini- Occorre chiarire le priorita’ nelle vaccinazioni affinche’ non ci siano disparita’ di trattamento. Dobbiamo ricordarci dei disabili, di coloro che lavorano all’interno delle case famiglia. Dobbiamo pensare anche alle scuole, accelerando le vaccinazioni degli operatori scolastici”.

Sul vaccino russo, “C’e’ un grande lavoro da fare e confidiamo tutti che da parte dell’Ema ci sia la capacita’ di accelerare il processo di autorizzazione dei vaccini ancora non certificati. Il criterio del Governo e’ utilizzare vaccini che abbiano l’autorizzazione da parte dell’Ema”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»