Sanremo, Diletta Leotta: “La bellezza capita”. Il discorso della conduttrice fa scoppiare la polemica

Le parole della conduttrice sportiva sono state accolte freddamente dal pubblico dell'Ariston e molto criticate sui social
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Prima serata del Festival di Sanremo da record. Amadeus porta a casa il 52, 2% di share, superando  il 49,4% della scorsa edizione condotta da Baglioni. Se il conduttore ha messo così momentaneamente a tacere le polemiche pre-apertura del festival che lo avevano interessato, a riaccenderle c’ha pensato Diletta Leotta, che ieri sera lo ha affiancato alla conduzione insieme alla giornalista palestinese Rula Jebreal, che ha conquistato il pubblico parlando della violenza sulla donne.

LEGGI ANCHE

VIDEO | Il monologo di Rula Jebreal a Sanremo: “Donne, non abbiate più paura”

Sanremo, Amadeus batte Baglioni e conquista il pubblico: share della prima puntata al 52,2%

FOTO | Sanremo, Achille Lauro lascia tutti a bocca aperta con la sua tutina

Lo stesso non si può dire di Leotta protagonista di un monologo sulla bellezza accolto freddamente dal pubblico dell’Ariston e molto criticato su Twitter, dove gli utenti si sono scatenati con commenti al vetriolo. “La bellezza capita, non è un merito. Quando capita è un vantaggio, anche perché sennò col cavolo che sarei qui“, questo l’incipit del discorso di Leotta che ha proseguito spostando l’attenzione sulla nonna, seduta in prima fila, e sugli insegnamenti relativi alla bellezza che le ha impartito.

DILETTA LEOTTA A SANREMO, LE POLEMICHE SUI SOCIAL

In molti sono stati gli utenti che hanno tacciato di ipocrisia la conduttrice sportiva, sottolineando come le parole “La bellezza capita”, pronunciate da chi ha ricorso più volte alla chirurgia estetica, suonino alquanto stonate. L’ironia degli utenti non ha risparmiato la nonna di Leotta e la sua espressione smarrita durante il discorso della nipote.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»