VIDEO | Il monologo di Rula Jebreal a Sanremo: “Donne, non abbiate più paura”

Sul palco dell'Ariston la giornalista palestinese commuove e fa riflettere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il monologo di Rula Jebreal fa irrompere sul palco dell’Ariston il tema della violenza sulle donne. Con citazioni, numeri, testimonianze personali strazianti. La giornalista palestinese, 46 anni, racconta il dramma della madre. Stuprata a 13 anni, non creduta, morta suicida dandosi fuoco. Il colpevole? “Aveva le chiavi di casa”. Cita Franca Rame e lo stupro subito nel 1973, snocciola i dati drammatici dei femminicidi e delle molestie  (negli ultimi tre anni tre milioni e 150mila donne hanno subito violenza sul posto di lavoro, negli ultimi due in media otto donne al giorno hanno subito abusi sessuali e violenza. “Nell’80% dei casi il carnefice ha le chiavi di casa“). Infine, l’appello: “Non dobbiamo più avere paura, noi donne vogliamo essere libere nello spazio e nel tempo, essere silenzio e rumore e musica”.

La giornalista, stamattina, ha pubblicamente ringraziato chi l’ha aiutata nella stesura del monologo recitato al Festival di Sanremo. “Gli autori Rai Sergio Rubino e Giorgio Cappozzo, la collega Selvaggia Lucarelli e Mirella Mastronardi”

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»