Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lucia Annibali: “Bisogna agire affinché le vittime non abbiano paura”

"Dalle scuole bisogna partire per un'educazione di genere, per far sì che siano le persone che nella propria testa hanno pensieri di violenza a dover avere paura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO EMILIA – “La paura non deve nascondersi nel cuore delle vittime, ma nella testa di chi compie la violenza”. Lucia Annibali, candidata per il centrosinistra al Collegio uninominale della Camera di Parma, commenta così i numeri delle vittime di casi di violenza e stalking diffusi dal Comando provinciale dei Carabinieri nei giorni scorsi.

Stando alle forze dell’ordine ducali, nel 2017 sono state 309 le persone coinvolte in questi casi a Parma e provincia, di cui 120 all’interno delle mura domestiche. Quasi sempre le vittime sono compagne o mogli.

“È assolutamente inconcepibile quanto accaduto alle ragazze di 12 anni vittime di abusi da parte di un insegnante di musica tra le mura della scuola- sottolinea Annibali- uno dei luoghi di formazione e crescita. Proprio dalle scuole bisogna partire per un’educazione di genere, per far sì che siano le persone che nella propria testa hanno pensieri di violenza a dover avere paura”.

Su come raggiungere questo obiettivo la candidata del centrosinistra ha le idee chiare. “Da un lato- sostiene- dobbiamo garantire alle persone più deboli, spesso donne e bambini, la certezza di potersi rivolgere a qualcuno senza paura di denunciare quello che sta accadendo, con la consapevolezza che si sarà tutelate e credute. Allo stesso tempo bisogna agire sulla cultura che porta alla violenza”.

In questo senso, secondo la candidata, ci sono già degli ottimi esempi da portare a livello nazionale. “La Regione Emilia-Romagna, con il fondamentale contributo delle Donne del Partito democratico di Parma, ha già avviato un importante percorso con la Legge quadro contro le discriminazioni di genere approvata nel 2014, che oltre alla violenza vuole contrastare la differenza di genere nel linguaggio, nell’organizzazione del lavoro e negli ospedali. Se sarò eletta a Parma voglio lavorare per portare queste buone pratiche a livello nazionale, lavorando perché si cambi il paradigma”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»