Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, archiviata l’indagine contro Mediterranea Saving Humans

mare jonio nave
Per il Tribunale la condotta del comandante di Mediterranea Saving Humans Pietro Marrone e del capomissione Luca Casarini è stata "encomiabile"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Definitiva archiviazione, per decisione della Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Agrigento dott.ssa Vella, del procedimento a carico del comandante di Mediterranea Saving Humans Pietro Marrone e del capomissione Luca Casarini. Lo riferisce la ong.

“È lo stesso Tribunale ora a confermare la richiesta avanzata dalla Procura di Agrigento che, in seguito a lunghe e approfondite indagini, aveva concluso che nulla delle ipotesi di reato ascritte a Marrone e Casarini – dopo un’operazione di soccorso in mare e l’entrata nelle acque territoriali con 50 persone messe in salvo nel porto di Lampedusa il 19 marzo 2019 – poteva essere riscontrato. Anzi, la condotta degli stessi era da encomiare, in quanto non solo avevano provveduto a soccorrere persone in mare salvando le loro vite, ma avevano anche agito correttamente mettendo in sicurezza i naufraghi e l’equipaggio stesso della Mare Jonio, nonostante il tentativo, illegittimo e pericoloso, da parte del Ministero degli Interni diretto allora da Salvini di impedire che questo avvenisse”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»