Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Asse Fi-Italia Viva, Renzi: “Non mi sto spostando a destra, Sicilia da sempre terra di sperimentazioni”

renzi
"Sono tutte chiacchiere, fino al presidente della Repubblica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No, non mi sto spostando a destra. La Sicilia è da sempre una terra in cui si fanno sperimentazioni audaci. C’è da eleggere il sindaco di Palermo e il presidente della Regione. Soprattutto sul sindaco di Palermo stanno valutando se quell’area definita popolare, quella che va da Fi fino a fino ai riformisti del Pd, riesce a stare insieme. Il mio commento è che se son rose fioriranno, vedremo. E’ una questione in questo momento tutta interna alla Sicilia”. Lo dice a Rai Radio1, ospite di Giancarlo Loquenzi a ‘Zapping’, Matteo Renzi, in merito all’accordo tra Forza Italia e Sicilia Futura-Italia viva con liste comuni alle Amministrative di Palermo e alle Regionali del 2022. “Del resto- aggiunge- non sono stato io a dire che bisognava allargarsi a Fi ma lo stesso Letta a dire che bisognava dividere i moderati dai sovranisti. Sono tutte chiacchiere, fino al presidente della Repubblica sono pronto a scommettere che è tutta ammuina”.

LEGGI ANCHE: Miccichè e l’intesa con Renzi: “‘Forza Italia Viva’ non esiste. Almeno, non ora…”

DDL ZAN, RENZI: “AUTOGOL LETTA, SU DIRITTI È IL BLA BLA BLA FATTO PERSONA”

“Mi attaccano per la vicenda dei diritti? A me scappa da ridere, perché su questo tema quelli come il mio amico Enrico Letta sono il ‘bla bla bla’ fatto persona. Per anni hanno discusso, una volta erano i Dico, una volta i Pacs. Poi siamo arrivati noi e abbiamo fatto una legge, e oggi chi si ama può dire di sì davanti a un pubblico ufficiale indipendentemente dal proprio orientamento sessuale”, prosegue Renzi. “Sulla legge Zan hanno combinato un autogol, un pasticcio incredibile- ha proseguito il senatore a Rai Radio1- lo sapeva anche l’ultimo usciere del Senato che non c’erano i numeri. Loro però hanno preferito andar sotto per fare le piazzate”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»