Coronavirus, Pro Vita e Famiglia: “Donati 30mila euro e 15mila mascherine”

"Le famiglie, sono allo stremo, è necessario istituire urgentemente un fondo salva famiglie"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

pro vita e famiglia donazioniROMA – L’associazione Pro Vita e Famiglia onlus ha donato 30mila euro “ai bisognosi” e attivato una rete su tutto il territorio nazionale per soccorrere gli anziani in casa di riposo, i malati, le persone portatrici di handicap e le famiglie bisognose. Non solo. I volontari dell’associazione stanno distribuendo 15.000 mascherine filtranti ad ospizi per anziani, case di riposo e Comuni “che ne hanno disperato bisogno”. Lo rende noto Pro Vita e Famiglia in un comunicato.

“Basta parole, servono i fatti. 30mila euro donati e una rete di volontari su tutto il territorio per soccorrere gli anziani in casa di riposo, i malati, le persone portatrici di handicap e le famiglie bisognose: è partita la nostra campagna #AttiviamociPerIlBeneComune (clicca qui per scoprire la campagna). La politica degli ‘annunci’ e delle ‘rassicurazioni’ prosegue con l’ultima promessa del ministro Bonetti di estensione del bonus figli, ma noi scegliamo la strada della concretezza. Facciamo di tutto per trasformare la cultura della famiglia e della vita in azione”, spiegano Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia onlus, illustrando il loro impegno durante l’emergenza epidemiologica da Coronavirus.

pro vita e famiglia donazioni“Oltre alle donazioni, stiamo distribuendo 15.000 mascherine filtranti ad ospizi per anziani, case di riposo e Comuni che ne hanno disperato bisogno, grazie ai nostri volontari dislocati su tutto il territorio. Fino ad oggi, la società civile esposta al contagio non ha avuto dal governo il necessario sostegno e per questo abbiamo deciso, come cittadini responsabili che mettono al centro del loro impegno civile il valore della vita, di proteggere le persone più fragili garantendo loro intanto un minimo di autodifesa attraverso la consegna di queste mascherine”, spiegano ancora.

Poi la denuncia: “In provincia di Bergamo vi sono anziani, in case di riposo, che continuano a morire sprovvisti di ogni tipo di protezione. Il nostro Governo sapeva dell’emergenza dal 30 gennaio! Basta con la propaganda: che si aiutino i nostri nonni!”, chiedono. “Ma al di là delle polemiche sulla responsabilità di questa situazione, noi ci stiamo rimboccando le maniche per far fronte alle continue richieste di soccorso da parte di famiglie, case di riposo e anche amministrazioni locali. Sono delle vere e proprie grida d’aiuto alle quali, nostro malgrado, non possiamo sempre rispondere”.

“Le famiglie- concludono Brandi e Coghe-, sono allo stremo, è necessario istituire urgentemente un fondo salva famiglie. Poca burocrazia e una somma proporzionata in base ai componenti del nucleo familiare. Adesso è il momento di agire perché tra 15 giorni sarà troppo tardi e ci ritroveremo con il 50% delle famiglie italiane con più di 3 figli sotto la soglia di povertà“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»