hamburger menu

“Scusi lei spaccia?”, archiviato Salvini per la citofonata a Bologna

Il giudice di Bologna ha disposto l'archiviazione per la famosa citofonata di Salvini al Pilastro, quando il leader della Lega aveva suonato a casa di una famiglia tunisina chiedendo se erano spacciatori

salvini-citofono

BOLOGNA – Sfumano le accuse nei confronti di Matteo Salvini per la famosa citofonata fatta a Bologna, al quartiere Pilastro, durante la campagna elettorale del 2020 per le regionali dell’Emilia-Romagna: il leghista, accompagnato da alcuni residenti del quartiere Pilastro, suonò a casa di una famiglia tunisina e al citofono chiese: “Lei spaccia?”. Il provvedimento di archiviazione del Gip di Bologna Grazia Nart arriva oggi e accoglie la richiesta di archivaizione avanzata dalla Procura per il leader della Lega, che era finito indagato per diffamazione. L’episodio allora fece molto scalpore, i social si scatenarono contro l’iniziativa del leghista e anche in città ci furono molte polemiche.

Non è bastato, dunque, l’atto di opposizione alla archiviazione che era stato presentato dalla famiglia che aveva querelato Salvini per la citofonata in pubblico (c’erano anche giornalisti e telecamere) alla loro abitazione del Pilastro, periferia della città, in cerca di “spacciatori”. In archivio (“per infondatezza della notizia di reato”) anche le accuse nei confronti della residente del Pilastro che accompagnò Salvini in quell’occasione.

LEGGI ANCHE:

VIDEO | Salvini citofona a una famiglia tunisina in periferia a Bologna: “Lei spaccia?”

Bufera sul blitz di Salvini al citofono, vola l’hashtag #Salvinicitofona

IL VIDEO DI QUEL POMERIGGIO:

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-27T12:29:11+02:00

Ti potrebbe interessare: