Bufera sul blitz di Salvini al citofono, vola l’hashtag #Salvinicitofona

Su web e social esplode il 'caso' del blitz al citofono del leader della Lega, tra ironie e condanne
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Come prevedibile, esplode sul web e sui social il caso del ‘blitz’ messo a segno ieri sera da Matteo Salvini nel quartiere del Pilastro, alla periferia di Bologna, dove il leader della Lega ha suonato i campanelli di alcune famiglie tunisine facendo domande al citofono: “Buongiorno. Scusi, lei spaccia?“. Oppure: “Ci hanno segnalato che spacciate. È vero?“. In tantissimi si sono scagliati contro il sopralluogo del leghista, gridando alla violazione della privacy delle famiglie interpellate, di cui sono state mostrate immagini dei palazzi in cui vivono, dei campanelli e sono state diffuse addirittura informazioni sul piano a cui si trova l’appartamento. Questa mattina sui social non si parla d’altro, tanto che l’hashtag #Salvinicitofona svetta in testa alla classifica di Twitter.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Salvini citofona a una famiglia tunisina in periferia a Bologna: “Lei spaccia?”

Moltissimi anche i commenti ironici, che chiamano in causa i testimoni di Geova o i venditori porta a porta. Tanti poi ricordano la foto che ha fatto scandalo mesi fa, in cui Salvini era insieme al capo ultras del Milan, condannato per spaccio. E si chiedono: “A lui non lo chiedi se spaccia?”. Altre persone invitano Salvini ad andare a citofonare in Sicilia o in Calabria, a casa di mafiosi o ‘ndranghetisti.

Non mancano poi i meme di turno o le card con la frase ‘Lei spaccia?’ e le foto di citofoni. C’è chi ricorda le gag al citofono di Aldo Giovanni e Giacomo. Il sindacato della Filcams la butta in ridere e invita ad “aprire solo alla visita fiscale”. In tanti, poi, ironizzano sul fatto che allora bisognerebbe andare a citofonare a casa i Salvini per chiedergli: “Scusi, è vero che lei ha rubato 49 milioni?“.

DEPUTATI PD: “INDECENZA”

I deputati del Pd su Twitter parlano di “indecenza”: “A Bologna si attacca ai citofoni ricercando presunti spacciatori. Uno sciacallo dei problemi. Un testimonial della barbarie. Un nemico dello stato di diritto. La vergogna di un Paese democratico e civile. Questo è Matteo Salvini”.

SALVINI: “MI HA CHIESTO AIUTO UNA MAMMA CHE HA PERSO IL FIGLIO”

Dal canto suo Matteo Salvini, ospite questa mattina a Mattino 5, ha risposto alle domande sul blitz di ieri sera spiegando che a segnalargli la situazione di degrado e spaccio è stata “una mamma che ha perso il figlio per droga“. E dice anche: “Babbo e figlio spacciano droga. Ecco perché ho citofonato a quella casa. Abbiamo segnalato a chi di dovere che spacciare droga alla luce del sole significa vendere morte”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»