Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il medico consulente della famiglia Cucchi: “La scienza non dovrebbe essere opinabile”

stefano cucchi
"La verità processuale ha sostenuto la tesi che noi avevamo propugnato fin dall'inizio". A parlare con l'agenzia Dire è Vittorio Fineschi, consulente della famiglia di Stefano Cucchi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La scienza è opinabile ma non dovrebbe esserlo. Io ho sostenuto, ma a questo punto mi piace dire che la verità processuale ha sostenuto la tesi che noi avevamo propugnato fin dall’inizio. D’altronde quando si scrive una sentenza di condanna così ben argomentata, vuol dire che le tesi, in questo caso la nostra, hanno un accoglimento scientifico”. A parlare con l’agenzia Dire è Vittorio Fineschi, consulente della famiglia di Stefano Cucchi, il geometra romano morto a seguito delle percosse ricevute dopo il suo arresto.

Il lavoro del professor Fineschi, medico legale con alle spalle anni di esperienza in casi di cronaca, è stato determinante soprattutto nel processo in Corte d’Assise per la morte di Cucchi, perché è riuscito a ricostruire la ‘catena causale’ che determinò il decesso di Stefano nel 2009. Per questo due carabinieri sono stati condannati per omicidio preterintenzionale e ora si attende a marzo la sentenza d’appello.

Fineschi, in sintesi, sostiene che senza pestaggio Stefano non sarebbe morto.
Ma come è possibile che una causa di morte possa essere interpretata in maniera diversa da accusa e difesa? La scienza è opinabile?

“La scienza dovrebbe essere una, dovrebbe essere unica, e tutti dovremmo seguire una medicina basata sulle evidenze- risponde il professor Fineschi alla Dire- Purtroppo però ci confrontiamo su problemi biologici e la biologia non è mai esatta, quindi anche i decorsi propri di una malattia variano da persona a persona. È questo che comporta la diversità di opinioni. Poi il processo è fatto anche di testimonianze, di circostanze, di tanti fattori che per essere assorbiti nella scienza devono essere ben ponderati. Infine mi sia consentito dire che purtroppo è un ‘gioco delle parti’ e ogni parte cerca di accreditare una verità diversa. Questo non giova alla serietà della scienza, ma credo che da molti anni ci sia una griglia valutativa- conclude- che consente alla scienza di dire nei processi quale è ‘buona’ e quale è ‘cattiva’”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»