Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Ue proroga la modifica del disciplinare della mozzarella Specialità Tradizionale Garantita. Carloni soddisfatto

mozzarella
Il vice presidente della Regione Marche: "Abbiamo portato all'attenzione del ministero alle Politiche agricole una preoccupazione delle nostre imprese locali"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Mirco Carloni, vice presidente della Regione Marche, commenta positivamente la decisione di Bruxelles che ha dato l’ok alla proroga della modifica del disciplinare della mozzarella Stg. E aggiunge che “come Regione abbiamo portato all’attenzione del ministero alle Politiche agricole una preoccupazione delle nostre imprese locali”. Carloni ringrazia il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio “per il suo sostegno e per essersi personalmente impegnato a risolvere una vicenda che, nel nostro territorio, suscita incertezze e timori fra le aziende del settore”.

Per Centinaio “abbiamo ottenuto oggi un primo importante risultato. Ora il nostro obiettivo è quello di scongiurare futuri attacchi al Made in Italy da parte di paesi che non possono vantare le nostre stesse eccellenze agroalimentari”. Il via libera della Commissione europea alla proroga di altri tre mesi era stata chiesta dal ministero in riferimento alla modifica del disciplinare della mozzarella Specialità Tradizionale Garantita, a fronte dell’opposizione della Germania che aveva cercato, invece, di ottenerne la cancellazione. “Ci impegneremo a difendere nelle sedi opportune il disciplinare della denominazione che contraddistingue i nostri prodotti che sono apprezzati, invidiati e spesso oggetto di italian sounding all’estero”, conclude Centinaio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»