VIDEO | FOTO | Conte alle prese con le avances dell’ex studentessa, ‘Manteniamo le distanze’

Una studentessa con un prendisole giallo si avvicina al premier e gli dice: "Dovrei togliermi mutande e reggiseno per fare foto di questo tipo. Facciamoci un selfie"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un bagno di folla con decine di foto. E un piccolo fuori programma… Il premier Giuseppe Conte si concede una pausa di lavoro, tra il vertice di maggioranza e il preconsiglio dei ministri sul dl semplificazioni, per uno spuntino a base di bresaola e parmigiano in un locale a via della Croce, a due passi da palazzo Chigi.

Il tragitto è l’occasione per scambiare due chiacchiere con i molti cittadini che lo fermano. Un imprenditore chiede consigli per velocizzare i tempi delle banche. Il premier ne approfitta per rivolgere un appello alla collaborazione agli istituti di credito. La signora lo implora di arrestare gli allarmi a suo dire ingiustificati degli scienziati sul Covid. “Noi non facciamo terrorismo. Ma la mascherina è sempre meglio tenerla appresso per poterla utilizzare all’occorrenza”, dice Conte e assicura che in vista della possibile seconda ondata il governo e’ relativamente tranquillo, grazie al piano di controllo.



























Previous
Next

Un bambino gli chiede se lui riuscirà a far funzionare le cose. “Se corriamo ce la faremo. E ore ci mettiamo a correre”, dice il premier. “Vengo da Lucera. Mia moglie è di Volturara”, è la voce del compaesano, in gita a Roma con il figlio. Per lui un abbraccio, di gomito, particolarmente caloroso.

Su via del Corso le commesse di un negozio di abbigliamento insistono: “Presidente, le vogliamo regalare una camicia”, dicono. Conte si arrabbia: “Ma come regalare? Voi dovete ven-de-re. Anzi vengo io a comprare“. Niente da fare la cortesia delle lavoratrici è incontenibile. Il premier deve accettare una borsa in tela. Lui ringrazia riconoscente.

Quando mancano pochi passi alla sede del governo, si avvicina una avvenente ragazza. Senza mascherina, prendisole giallo, cappello a larghe tese, stile Vacanze Romane. “Ho sostenuto l’esame di diritto privato con lei a Firenze”, dice al presidente del consiglio. Ma la giovane, evidentemente, non è più così interessata agli studi giuridici. “Dovrei togliermi mutande e reggiseno per fare foto di questo tipo. Facciamoci un selfie“, dice e si stringe al premier. Conte non lascia passare che una frazione di secondo, quindi ristabilisce il distacco. “Manteniamo la distanza”, dice.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»