VIDEO | ‘Donne e Covid-19: meno contagiate, più colpite?’

Tavola rotonda in diretta sul profilo facebook dell'Agenzia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
“Donne e Covid-19: meno contagiate, più colpite?”

In diretta Fb sulla pagina dell'Agenzia di stampa DIRE l’approfondimento di #DireDonne con la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa; il presidente del Consiglio Superiore della Sanità Franco Locatelli; la presidente dell'Associazione Italiana Donne Medico Antonella Vezzani; la presidente dell'associazione nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici Cts Protezione Civile Nausicaa Orlandi.Qui tutte le info 👉 https://bit.ly/LaTavolaRotondaCovidELeDonne

Gepostet von Agenzia di stampa DIRE am Montag, 6. Juli 2020

ROMA – “Donne e Covid-19: meno contagiate, più colpite?”. E’ questo il tema della prossima puntata dell’approfondimento di DireDonne in programma lunedì 6 luglio alle 18, in diretta Fb sui canali della Dire. Una tavola rotonda che avrà come protagonisti: il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli; la presidente della Federazione nazionale Chimici e Fisici e membro del Comitato Tecnico Scientifico Covid-19, Nausicaa Orlandi; la presidente nazionale dell’Associazione Donne Medico, Antonella Vezzani; la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa (già ideatrice della trasmissione).

La trasmissione trasmessa in diretta sul canale Facebook dell’agenzia Dire e realizzata via Skype in ottemperanza alle norme di sicurezza sarà condotta in studio dalla giornalista Silvia Mari.

Ecco a seguire i curriculum dei relatori partecipanti:

FRANCO LOCATELLI

Presidente del Consiglio Superiore della Sanità dal febbraio 2019, il professor Franco Locatelli è nato proprio in una delle città più colpite dalla pandemia, Bergamo. Noto esperto di patologie ematologiche, professore ordinario di Pediatria all’università La Sapienza,di Roma, direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica dell’ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Coordina il maggior programma italiano dedicato ai tumori infantili.

NAUSICAA ORLANDI

La presidente della Federazione nazionale dei chimici e fisici è una delle donne del Comitato tecnico scientifico Covid-19.  Laureata in Chimica Industriale presso l’Università degli Studi di Padova, città dove vive, ha svolto attività di ricerca presso la Scuola Superiore di Chimica e CNRS a Montpellier (Francia). Professionalmente svolge attività di consulenza e formazione in ambito di sicurezza sul lavoro, sistemi di certificazione di processo e di prodotto, gestione ambientale e pratiche autorizzative correlate. L’attività di supporto tecnico è svolta in ambito nazionale ed internazionale con particolare riferimento agli aspetti di sicurezza sul lavoro.

ANTONELLA VEZZANI

La presidente dell’Associazione Italiana Donne medico è la responsabile della terapia intensiva dell’ospedale universitario di Parma. Lavora da anni e con profitto alla ricerca di un equilibrio tra vita professionale e privata per uomini e donna in medicina, contro le molestie sessuali sui luoghi di lavoro, per la prevenzione della violenza contro gli operatori sanitari. Dal 2012, realizza a Parma un incontro annuale sulla medicina di genere. Ha progettato programmi di formazione per migliorare gli atteggiamenti, le convinzioni e i comportamenti degli operatori sanitari riguardo alla violenza domestica.

SANDRA ZAMPA

Sottosegretaria alla Salute dal settembre 2019, con delega, tra l’altro, alla medicina di genere, Sandra Zampa, è l’ideatrice dello spazio di approfondimento dell’agenzia Dire dedicato alle intelligenze femminili. Giornalista, già capo ufficio stampa della Presidenza del Consiglio è stata deputata della Repubblica dal 2008 al 2018. Porta il suo nome la legge sui bambini stranieri non accompagnati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»