fbpx

Tg Ambiente, edizione del 2 luglio 2019

STRETTO SICILIA, BLITZ GREENPEACE SU PIATTAFORMA

Greenpeace Italia in azione sulla piattaforma di estrazione di idrocarburi ‘Prezioso’, nello Stretto di Sicilia. Gli attivisti, partiti dalla Rainbow Warrior, hanno aperto uno striscione con il messaggio ‘Ci state bruciando il futuro’, diretto al governo italiano, “che non sta facendo abbastanza per affrontare l’emergenza climatica”, denuncia l’associazione. “Siamo in azione nello Stretto di Sicilia per protestare contro l’imminente ampliamento delle attività estrattive del progetto Offshore Ibleo”, spiega Luca Iacoboni, responsabile campagna Energia e Clima di Greenpeace, “l’emergenza climatica è sotto gli occhi di tutti e chi dovrebbe fare di tutto per proteggere i cittadini, ovvero il nostro governo, continua invece a perseguire le stesse politiche fossili che hanno contribuito a portarci al punto in cui ci troviamo”.

ISOLE SVALBARD, BUSSETTI A STAZIONE ARTICA DEL CNR

“Abbiamo voluto dare un segnale forte con la nostra presenza e sottolineare l’importanza della ricerca in queste aree”: il titolare del Miur, Marco Bussetti ha visitato la stazione di ricerca ‘Dirigibile Italia’, nelle Isole Svalbard, Circolo Polare Artico, gestita dal Cnr. “Il nostro obiettivo- dice Bussetti- è potenziare quanto più possibile la ricerca in Antartide e nell’Artico. È necessario dare continuità a questi programmi e aumentare le risorse”. L’Italia è presente in Artico da oltre vent’anni: “un impegno, cui si aggiunge quello per l’Antartide, che il nostro Governo ha rafforzato ottimizzando le risorse destinate alle attività di ricerca polare”, sottolinea. È la prima volta che un ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca italiano si reca presso la base artica.

SENTINEL 3 ‘FOTOGRAFA’ LA TEMPERATURA TERRESTRE

L’ondata di calore che sta interessando l’Europa portando le temperature oltre i 40 gradi in diverse città italiane è stata immortalata da Sentinel 3, la ‘sentinella’ della Terra del programma europeo Copernicus. L’immagine pubblicata dall’Agenzia spaziale europea mostra la situazione del 26 giugno vista dallo Spazio. Dall’immagine emerge chiaramente come i Paesi massimamente colpiti dall’ondata anomala di caldo siano Spagna, Francia, Germania, Italia e Polonia. La temperatura indicata è quella del suolo, non quella dell’aria utilizzata nelle previsioni meteorologiche. Le zone bianche sono quelle coperte da nuvole al momento della rilevazione, mentre quelle blu sono le zone innevate.

CENTRALE ENEL PORTO TOLLE DIVENTA RESORT TURISMO

La centrale elettrica di Porto Tolle, in provincia di Rovigo, sarà trasformata in un resort turistico pronto, se tutto va come deve, entro il 2022. “Era una centrale storica, entrata in funzione tra il 1980 e il 1984, che ha lavorato a olii combustibili fino all’inizio degli anni 2000 e poi è stata soppiantata da altre tecnologie. Ora fa parte del passato”, spiega Francesco Starace, ad Enel. La riconversione rappresenta “un rinascimento per il Polesine, non solo per quel che rappresenta quella centrale, c’è anche il tema di una riconoversione seria, come quella che propone Enel”, commenta il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, “finalmente si cambia, riconvertendo e restituendo dignità al Polesine”.

MESSICO, GRANDINE RECORD, GUADALAJARA IMBIANCATA

Messico e nuvole? No, Messico e grandine. “È incredibile, e poi ci chiediamo se il cambiamento climatico c’è davvero”. Lo dice Enrique Alfaro, governatore dello Stato di Jalisco dove c’è Guadalajara, città abitualmente con temperature stagionali sopra i 30 gradi ma ricoperta ieri da uno strato bianco di ghiaccio spesso oltre un metro e mezzo. Secondo i media locali, sono caduti chicchi grandi quanto palline da golf. In base alle informazioni diffuse dalla Protezione civile, circa 200 abitazioni sono state danneggiate dalla grandine con decine di veicoli spazzati via in almeno sei quartieri della città. Nonostante siano state segnalate alluvioni e cadute di alberi, non si ha notizia di morti o feriti. Due persone, però, secondo la Protezione civile, hanno manifestato segni di ipotermia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

2 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»