Nessuno prende in carico gli addetti al cimitero, “nemmeno il Comune”

Otto lavoratori storici del cimitero di Carpi sono fermi da mesi in un 'limbo' da quando, a novembre, c'è stato il cambio di concessione da Cfp a cooperativa sociale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – Il Comune si è scordato di inserirli nella clausola sociale, che di solito serve proprio a garantire i lavoratori tra un cambio di appalto e l’altro. La cooperativa sociale che è subentrata, però, si chiama fuori e si rifiuta di prenderli in carico. Quella che è uscita, invece, non si è preoccupata di reinserire nessuno. Il risultato è quello di uno stallo totale con le persone interessate che rimangono in un ‘limbo’, fino alla prossima chiamata. Succede a Carpi, nel modenese, dove otto lavoratori ‘storici’ del cimitero non riescono, da mesi, ad uscire dall’incubo di rimanere senza posto. A distanza di quattro mesi, per la precisione, “sono ancora in attesa di risposte i lavoratori e le lavoratrici che si occupano dei servizi funerari e di pulizie del cimitero di Carpi, poiché dal 9 novembre 2020 con il cambio di concessione da Cfp a cooperativa sociale Barbara B non sono passati alla nuova concessionaria“, certificano in una nota congiunta i sindacalisti che stanno seguendo la vertenza in ballo, complicata ma più che altro beffarda.

Spiegano Vincenza Corcione della Filcams-Cgil e Pascale Milone della Fisascat-Cisl Emilia Centrale: “Si tratta di otto tra lavoratori e lavoratrici che, seppur impiegati nell’appalto dei servizi cimiteriali del Comune di Carpi da moltissimi anni, inspiegabilmente, non sono stati inseriti nella clausola sociale del bando di concessione di tali servizi. In un assurdo rimpallo di responsabilità tra l’amministrazione del Comune di Carpi, colpevole di essersi ‘dimenticata’ di inserirli nella clausola sociale e l’azienda subentrante nella concessione, la cooperativa sociale Barbara B, la quale rifiuta di prendersi in carico i lavoratori che pure avevano diritto al passaggio”, così come previsto dal contratto collettivo nazionale di riferimento.

E se la cooperativa sociale, per vari mesi, ha portato avanti il servizio a Carpi tramite “personale preso in prestito da altri territori”, con i sindacati che assicurano come solo dopo essersi fatti sentire si è poi proceduto con le assunzioni ex novo, aggiungono le sigle Cgil e Cisl: “Viene da chiedersi come mai, a fronte di un preciso fabbisogno di personale, la cooperativa non abbia ritenuto di assumere chi legittimamente rivendicava il diritto al passaggio“. Il fatto è che lavoratori e lavoratrici sono tuttora alle dipendenze della cooperativa modenese Cfp, la società uscente, la quale pur essendo leader nel settore pulizie sul territorio provinciale non ha reinserito i lavoratori in altri servizi e non ha nemmeno attivato le procedure per a tutelarne il reddito.

Senza riscontri da tempo, in ogni caso, i sindacati non mollano e chiedono “un tavolo di confronto volto a sanare questo pasticcio, consentendo a padri e madri di famiglie, spesso monoreddito, di continuare a garantire un sostentamento economico”. Ma ce n’è abbastanza, comunque, per parlare di “sistema di appalti difettoso”, con “i lavoratori dimenticati da mesi in un limbo senza che nessuno degli attori coinvolti in questa vicenda si senta in dovere di assumersene le responsabilità”.

LEGGI ANCHE: Investito anni fa ha ancora i postumi: Modena adotta un lupo nero

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»