Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 2 febbraio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CROLLA IL PRODOTTO INTERNO LORDO

Dopo il robusto recupero dell’estate scorsa, l’economia italiana frena ancora e nel quarto trimestre registra un calo della crescita del 2%. Sulla contrazione pesano le misure adottate per contenere l’emergenza sanitaria, soprattutto la serrata di dicembre che ha costretto ristoratori, commercianti e tutto l’indotto del turismo a rinunciare a una fetta consistente del fatturato. L’anno appena passato, così, si chiuderà con un pil in caduta libera dell’8,9%. Un dato comunque migliore delle attese del governo che nella Nota di aggiornamento al Def aveva stimato una riduzione del 9%. Secondo l’Istat la spinta sul 2021 è positiva e il pil acquisito superà già il 2%.

LA CRISI DI GOVERNO TORNA AL COLLE

Torna al Colle la crisi di governo, con il presidente della camera Roberto Fico che riferisce sul mandato esplorativo. A Fico il difficile compito di chiarire al presidente della repubblica Sergio Mattarella se ci sono le condizioni politiche per affidare a Giuseppe Conte l’incarico di formare un nuovo governo. Dopo una settimana dalle dimissioni del premier, i partiti della maggioranza giallorossa tentano di risolvere lo stallo con la nascita di un nuovo esecutivo politico. L’alternativa sarebbe il governo istituzionale, oppure il ricorso alle urne anticipate. E’ questa la strada da prendere secondo le opposizioni, che parlano di un Paese ostaggio degli intrighi di Palazzo.

L’EUROPA AIUTA L’ITALIA PER SOSTENERE IL LAVORO

Arrivano altri quattro miliardi e mezzo di prestiti dal Fondo Sure per l’Italia. Lo ha annunciato con un tweet la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Con queste risorse aggiuntive Roma riceverà complessivamente oltre 27 miliardi da utilizzare per proteggere i lavoratori con la cassa integrazione. “L’Europa e’ con voi”, ha scritto Von der Leyen. Il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, ha spiegato come la pandemia continui a pesare sulle nostre economie. Ma alla fine di questo tunnel, ha detto, c’è la luce: “Non sappiamo quando la raggiungeremo, per questo motivo Sure e la solidarietà europea sono così importanti”.

LA SFIDA DELLA MOBILITA’ SOSTENIBILE

Innovazione e sostenibilita’ per scommettere sul futuro e creare le condizioni di uno sviluppo economico amico dell’ambiente. Questo il tema al centro del faccia a faccia sul Manifesto smart mobility promosso dall’Associazione nazionale dei giovani innovatori, a cui hanno partecipato Stefano Sordelli, Future mobility director del gruppo Volkswagen Italia, Filomena Maggino, presidente della Cabina di regia ‘Benessere Italia’, Carlo Corazza, Direttore degli uffici del Parlamento europeo in Italia. Gabriele Ferrieri, presidente Angi, sottolinea la “grande trasversalita’” che il manifesto ha riscontrato grazie anche ad un “dialogo tra pubblico e privato”, indispensabile per condurre il Paese e l’Europa verso una nuova mobilita’. L’opportunita’ dei fondi europei sara’ “fondamentale per mettere le basi di un rilancio dell’economia e delle citta’ smart”.

IL BILANCIO DELLA GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA 

“Tar e Consiglio di Stato non sono mai andati in lockdown”. Lo sottolinea il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, nella ‘Relazione sull’attivita’ della Giustizia Amministrativa’ per il 2020, alla presenza del capo dello Stato Sergio Mattarella. Dal primo marzo al 31 dicembre 2020 la giustizia amministrativa ha smaltito quasi 48mila procedimenti in primo grado e piu’ di 11mila in secondo grado. “Occorreva garantire la continuità del servizio”, ha sottolineato il numero uno di Palazzo Spada, ricordando che sono state emesse decisioni rapidissime nonostante il Covid.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»