Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lega contro il Green Pass, Pd e M5S: “Incompatibile con il Governo”

enrico letta(1)
Il voto contro espresso in commissione. Il leader dei dem: "La Lega oggi ha legittimato le manifestazioni del mondo no vax, è una cosa gravissima"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È un fatto gravissimo che la Lega, una forza politica che sta al Governo abbia votato in commissione contro il green pass. È una cosa non compatibile con lo stare nella maggioranza di Governo. Chiedo un chiarimento politico ufficiale, non è possibile che su questo tema ci sia stato in Consiglio dei ministri un atteggiamento da parte dei ministri leghisti e in Parlamento un atteggiamento diverso dallo stesso partito. Un gioco come questo è insopportabile“. Lo dice il segretario dem, Enrico Letta ai microfoni di Radio Immagina.

“Quella della Lega è una posizione che strizza l’occhio al mondo no vax, lo stesso che è costato tanto agli italiani. La Lega oggi ha legittimato le manifestazioni del mondo no vax, è una cosa gravissima”, ha aggiunto Letta.

“Flop manifestazioni nelle stazioni di oggi? Ho sempre pensato che in questo tipo di proteste ci fosse una grande vocalità con poca sostanza e oggi questo aspetto è emerso. Ma le forze politiche che strizzano l’occhio ai no vax danneggiano il lavoro che il governo sta facendo. Questo atteggiamento, se non si ferma subito, è l’inizio della fine dello stare insieme al Governo“, ha insistito il segretario dem.

LA REPLICA: “LETTA VIVE FUORI DAL MONDO”

“È Letta che vive fuori dal mondo! Chiedere tamponi salivari gratuiti per gli italiani è buon senso, perché dire di no? Chiedere garanzie per lavoratori e imprenditori, chiedere la scuola per tutti gli studenti, difendere lavoratrici e lavoratori, poliziotti e insegnanti, è buon senso. Su 900 emendamenti migliorativi presentati dalla Lega ne verranno accolti, forse, 2. Pd e 5 Stelle ragionano come se al governo ci fosse ancora Conte ma, per fortuna, adesso c’è Draghi”. Così fonti della Lega replicano al segretario del Pd.

M5S: “LEGA HA GETTATO LA MASCHERA: È DALLA PARTE DEI NO PASS E NO VAX”

“Le maschere durano poco e oggi in commissione Affari sociali la Lega, votando per la soppressione del Green Pass, ha fatto finalmente cadere la sua: ora sappiamo che la linea del partito di Matteo Salvini è quella delle piazze No Green Pass e No Vax. Un atteggiamento irresponsabile nel momento in cui il governo e le istituzioni sono impegnati al massimo per raggiungere il più alto tasso di vaccinazione anti Covid”. Così in una nota le deputate e i deputati del MoVimento Cinque Stelle in commissione Affari sociali.

SALVINI: “LO STATO DEVE GARANTIRE TAMPONI GRATUITI”

“Se lo Stato impone il Green Pass per lavorare, viaggiare, studiare, fare sport, volontariato e cultura, deve anche garantire tamponi, rapidi e gratuiti, per tutti. Sono certificati, funzionano, costano poco e possono essere usati da tutti, come in altri Paesi stranieri. Ci sono milioni di italiani che non possono spendere altre centinaia di euro ogni settimana, in un momento già economicamente difficile“. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini. “Vediamo se Pd e 5Stelle voteranno a favore di questa proposta della Lega in Commissione. Non si tratta di essere no vax o no Green Pass – ho sia l’uno che l’altro – si tratta di aiutare milioni di italiani in difficoltà. Non tutti trovano 24.000 euro in contanti nella cuccia del cane…”, chiude il segretario del Carroccio, riferendosi al ritrovamento della somma nella tenuta della senatrice dem Monica Cirinnà.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»