Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Green pass, dal primo settembre l’obbligo si amplia: dalla scuola ai trasporti, ecco le novità

primo giorno green pass a Bologna
Restano esenti i bambini al di sotto dei 12 anni e i soggetti che non possono effettuare il vaccino per certificati motivi di salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Green pass, si cambia ancora e arrivano nuove misure. Dopo quelle introdotte il mese scorso, scatterà da oggi, 1 settembre, l’obbligo di esibire la Certificazione verde Covid-19 per salire a bordo di aerei; treni ad alta velocità e a lunga percorrenza; pullman e treni che colleghino più di due regioni; navi e traghetti per il trasporto interregionale, ad eccezione di quello che collega le due sponde dello Stretto di Messina; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, esclusi quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale. Per viaggiare su tutti gli altri mezzi di trasporto, a partire da quelli pubblici urbani, non sarà invece necessario mostrare il Green pass.

Per salire di nuovo in cattedra dovranno possedere la Certificazione anche gli insegnanti e tutto il personale scolastico e i docenti universitari. Per frequentare le lezioni in presenza sarà richiesta anche agli studenti universitari. Il Green pass dovrà attestare che il possessore abbia fatto almeno una dose di vaccino (in questo caso la certificazione avrà validità a partire dal 16esimo giorno dopo la prima dose e fino all’effettuazione della seconda) o il vaccino monodose; di essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti oppure, ancora, di essere guariti dal Covid-19 nei sei mesi precedenti. Restano esenti i bambini al di sotto dei 12 anni e i soggetti che non possono effettuare il vaccino per certificati motivi di salute.

LEGGI ANCHE: Scuola, l’app ‘VerificaC19’ per verificare il Green pass: con la luce rossa si resta fuori

La Certificazione verde è richiesta già a partire dallo scorso 6 agosto per poter consumare cibi e bevande nelle sale interne di un ristorante o di qualsiasi locale pubblico; per entrare nei musei, negli stadi, nelle palestre, nei centri benessere, nei centri culturali, sociali e ricreativi (a eccezione delle attività organizzate all’aperto); per prendere parte a congressi, convegni, fiere e sagre e per partecipare a concorsi pubblici, feste per cerimonie civili e religiose; per accedere alle residenze sanitarie assistenziali; per spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati come ‘zona rossa’ o ‘zona arancione’. Tutte queste misure vengono confermate.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»