Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minori, l’avvocata Nacca: “Su minori e Pas il sistema della giustizia è distorsivo”

manifestazione montecitorio roma pas
La legale, presente in piazza a Montecitorio per la protesta contro la Sindrome di alienazione parentale, spiega: "Dopo l'ordinanza della Cassazione nulla è cambiato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In piazza “non solo contro l’uso della sindrome da alienazione parentale (Pas), ma contro un sistema distorsivo che utilizza da vent’anni nei tribunali varie teorie che non possono essere definite psicologiche“. Ad usare queste teorie “mai approvate dalla comunità internazionale accademica o dal ministero della Salute” sono “spesso i giudici, che inconsapevolmente imbavagliano bambini e mamme che denunciano violenze domestiche e abusi sessuali incestuosi”. Così all’agenzia Dire l’avvocata Michela Nacca, presidente dell’associazione Maison Antigone, presente in piazza Montecitorio dove si protesta contro la sindrome da alienazione parentale (Pas), spesso utilizzata nei tribunali per determinare l’affido dei minori o l’allontanamento dei bambini in case famiglia.

LEGGI ANCHE: Mamme coraggio, Veronica: “Mi hanno tolto i figli per un ‘potenziale rischio di Pas’”

I NUMERI DEL FENOMENO

In Italia, spiega l’avvocata, “il 25% delle separazioni genitoriali è conflittuale. Sapendo che ci sono circa 60-70mila separazioni genitoriali l’anno, il 25% di queste nasconde i reali numeri del fenomeno di cui parliamo”. Anche la Commissione femminicidio in quest’anno ha cominciato ad acquisire i fascicoli processuali, “nello scorso maggio la presidente Valente aveva comunicato di aver acquisito oltre 1.500 fascicoli, ma da presidente dell’associazione – afferma l’avvocata – posso dire che in realtà il numero dei casi è nettamente superiore. Molte donne non denunciano per paura di ritorsioni”. Altre Commissioni, come quella Affidi o Infanzia, “sono piuttosto silenti. A volte – rileva Nacca – sembra si abbia un atteggiamento erroneo su questo dramma, sembra non ci si renda conto della dimensione del problema. Nelle ultime settimane sono stata contattata addirittura da due madri giudici, anche loro rivittimizzate, e ora stanno subendo le stesse distorsioni di tante altre mamme. Le donne oggi in piazza sono solo la punta dell’iceberg”.

“DOPO L’ORDINANZA DELLA CASSAZIONE NULLA È CAMBIATO”

E poco è cambiato dal maggio di quest’anno, quando anche la Cassazione si era espressa contro la Pas bollandola come ‘teoria nazista’. “Pensavamo in un cambio di rotta ma viceversa abbiamo constatato accanimento. La magistratura – ammette l’avvocata Nacca – ancora non è pronta a capire che tra le prime vittime di questo sistema distorsivo non ci sono tanto le mamme e i bambini, ma c’è proprio la giustizia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»