Salvini “bastardo”, a Genova aggrediti militanti e distrutte bandiere

ROMA – Insulti al vicepremier Matteo Salvini e ad alcuni militanti della Lega impegnati in una raccolta firme. Bandiera del Carroccio gettata nella spazzatura assieme ai fogli di raccolta del sostengo popolare. E’ quanto accaduto questa mattina a Genova, in via Lagustena, nel quartiere di San Martino. “Ci hanno aggredito con parole forti e hanno cercato lo scontro fisico minacciandoci e attaccando verbalmente Salvini dandogli anche del ‘bast…o’- spiega un militante presente al banchetto- poi ci hanno preso i fogli e le bandiere, spezzando le aste e gettando tutto nella spazzatura. Noi abbiamo chiamato immediatamente il 112”.

Il commissario provinciale della Lega e presidente del consiglio comunale di Genova, Alessio Piana, ricorda che “non è la prima volta che i nostri militanti vengono insultati e minacciati. Evidentemente a qualcuno non piace il fatto che la Lega, forza di governo, continui a battersi anche per la sicurezza dei quartieri nelle nostre città”. Piana ringrazia “i militanti che ogni giorno in prima persona portano avanti le loro idee pacificamente e democraticamente, nonostante le continue intimidazioni e provocazioni che ricevono. Condanniamo fermamente il vile assalto di stamane, siamo sicuri che le forze dell’ordine individueranno i colpevoli al più presto e auspichiamo una punizione adeguata da parte della magistratura”.

27 Settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»