Salvini: “Io premier? Pronto ma non smanio. Se è per cambiare Italia va bene anche un altro”

ROMA – “Io non smanio, sono pronto” a fare il presidente del Consiglio: “Salvini premier sarebbe un onore ma pur di portare avanti il programma e cambiare il Paese il problema non sono io. Se mi rendessi conto che ci sono altre persone per cambiare il Paese non sarò io a dire di no”. Lo dice Matteo Salvini, intervistato da RaiNews24, da dove si rivolge al Movimento cinque stelle: “Vogliono rimanere a vita all’opposizione a dire no no no o vogliono assumersi qualche responsabilità?”.

SALVINI: DI MAIO AFFIDABILE, NON SARA’ O IO O LA MORTE

“A me interessa che l’Italia cambi. Sono pronto a metterci la faccia in prima persona e lavorare 24 ore su 24. Ma siccome voglio il cambiamento non è o Salvini o la morte”. Il segretario della Lega, intervistato da Telelombardia, si mostra dialogante: “Chi ci ha votato ci ha dato fiducia per fare delle cose come l’abolizione della legge Fornero e su questo vediamo in Parlamento chi ci sta”. Poi, osserva: “Per ora i 5 Stelle si sono dimostrati affidabili. Io le persone le giudico dai fatti, non dalle parole. Quello che hanno detto, hanno fatto. Come Di Maio e Grillo hanno detto Salvini ha dato una parola e l’ha mantenuta, io apprezzo la gente che dice una cosa e poi la fa” e questo “vale anche per Berlusconi: alla fine abbiamo chiuso con il centrodestra compatto”. Infine, sottolinea, come la maggioranza di governo è “un altro paio di maniche” rispetto a quella che ha eletto i presidenti di Camera e Senato.

26 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»