Congresso Mondiale delle Famiglie, Stati generali delle donne lanciano contromanifestazione

Tra i partecipanti Livia Turco, Susanna Camusso, Monica Cirinnà, Laura Boldrini, Franca Porto e Ivana Veronese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VERONA – Un incontro pubblico il 30 marzo alle 10 al cinema K2 di via Rosmini, a Verona, a cui parteciperanno Livia Turco, Susanna Camusso, Monica Cirinnà, Laura Boldrini, Franca Porto e Ivana Veronese, e un flash mob dalle 13 al ponte di Castelvecchio. Queste le iniziative previste dagli Stati generali delle donne, a cui la conferenza delle donne di Nordest, Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia, hanno deciso di partecipare, per contrastare il Congresso mondiale delle famiglie, che si terrà appunto a Verona dal 29 al 31 marzo.

LEGGI ANCHE Bussetti: “Andrò al Congresso delle Famiglie a Verona, mi hanno invitato”

Lì “parteciperanno diversi componenti dell’attuale governo per celebrare un modello di famiglia ferma a secoli fa, che non si incardina nella società attuale e che vede la donna ancora succube dell’uomo solo pronta ad accudirlo e ad essere riproduttrice, così come affermano alcuni illustri relatori presenti all’evento, perché è nella sua indole”, denunciano le democratiche venete, ricordando che oltre al loro partecipano agli Stati generali delle donne, e quindi collaborano all’organizzazione delle contromanifestazioni, anche Cgil, Cisl e Uil e le associazioni Isolina e…, Telefono Rosa, Il Melograno, Filo di Arianna, Traguardi e Aied.

Da parte sua la consigliera comunale di Modena Caterina Liotti (Pd) aggiunge: “Anche Modena deve dire no con forza a questa regressione inaccettabile. La Conferenza delle democratiche dell’Emilia-Romagna sta organizzando il viaggio in pullman a Verona per poter partecipare agli eventi. Vogliamo essere in tante e in tanti, la mobilitazione è necessaria e urgente”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»