Boom di allergie per uomini e cani, ecco l’app anti-prurito per fido

ROMA –Stessi sintomi e stesse malattie. E così anche per i cani è boom di allergie proprio come accade per l’uomo. Se Fido si gratta con insistenza, si mordicchia il pelo, scuote la testa o si strofina quasi per certo soffre di prurito, un disturbo che colpisce moltissimi animali e per lo più riconducibile allo sviluppo di allergie, sempre più frequenti anche per gli amici a quattro zampe, soprattutto se vivono in città. Colpa della vita in appartamento: proprio come gli uomini, i cani che vivono in città sono più allergici di quelli di campagna. L’acaro della polvere di casa in giardino non si incontra, e il riscaldamento invernale permette alle pulci di sopravvivere in casa. Anche l’eccessiva pulizia fa sì che, come nei bambini, il sistema immunitario del cane non sia esposto a batteri e non sviluppi una buona resistenza alle allergie. In soccorso di animali e padroni arriva però PruritoMetro, una nuova app dedicata agli amici pelosi in grado di monitorare e misurare il prurito in modo esatto e inviare i valori registrati al veterinario di fiducia, in modo da studiare la cura più efficace o correggere in corsa la terapia.

“Il prurito dal punto di vista dermatologico è diffusissimo- spiega Chiara Noli, medico veterinario, specialista europea in dermatologia veterinaria- Circa il 30% dei cani ha problemi dermatologici e tra questi il 70-80% soffre di pruriti e allergie. Per lo più si tratta di allergia alle pulci, allergia alimentare o all’ambiente esterno, quindi ai pollini o agli acari della polvere di casa. Il problema è che i cani che sviluppano allergie non guariscono più, per cui è importante trovare una strategia per permettere a cane e padrone di conviverci conservando una buona qualità della vita”. PruritoMetro, la app ideata e sviluppata da Innovet, già disponibile gratuitamente sugli store di Apple e Google, consente di misurare il livello di prurito del cane e di scoprirne i diversi sintomi. Permette inoltre di conservare nel tempo le misurazioni e di inviarle al veterinario.

“Il prurito ha un grosso impatto sulla qualità della vita del cane e delle persone- spiega l’esperta- i cani che presentano prurito si grattano, si procurano ferite, le lesioni possono emanare cattivo odore, per questo è importante monitorare i livelli del prurito nel corso della terapia, E’ utile anche per il veterinario, che può valutare l’andamento della terapia ed eventualmente modificarla nel tempo, in base alle necessità del singolo animale. Infatti ogni situazione è a sé e si interviene in modo diverso, con vaccini o farmaci per bocca o per iniezione che attenuano temporaneamente il prurito. Il trattamento deve essere però continuo, sono terapie per tutta la vita”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

17 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»