Sciopero Roma Tpl, Usb: “Adesioni fino all’85%”

Lo sciopero di 24 ore avrà una fascia di garanzia dalle 17 alle 20
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Massiccia l’adesione allo sciopero proclamato dall’Unione Sindacale di Base per Roma Tpl e Consorziate, con punte di adesione dell’85% sulle linee che collegano le periferie con il centro di Roma”. Lo fa sapere l’Usb Lavoro Privato – Trasporti di Roma e Lazio, che oggi ha organizzato la protesta sulle linee periferiche della Capitale. Lo sciopero di 24 ore avrà una fascia di garanzia dalle 17 alle 20.

“Il Comune di Roma- si legge nella nota del sindacato- continua a essere sordo ai nostri solleciti, non intervenendo nei confronti di queste aziende private che con i loro comportamenti ai limiti della legalità non solo non garantiscono il regolare pagamento degli stipendi ai dipendenti, ma mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori e degli utenti, con tanto di atti ritorsivi (giorni di sospensione) contro i lavoratori che fermano autobus non in regola. Roma ha bisogno di un servizio di qualità e di efficienza che solo una azienda totalmente pubblica e finanziariamente assistita può dare. Non possiamo tollerare l’arroganza di queste aziende private che tengono sotto ricatto la città per le loro inadempienze. Come organizzazione sindacale continueremo a denunciare la malagestione e porteremo i lavoratori in lotta finché non si sarà arrivati alla soluzione delle problematiche. Oggi, venerdì 12 aprile, in tutta Italia si sta scioperando anche per difendere il diritto allo sciopero che la Commissione di garanzia ha negato proibendo lo sciopero generale di Usb. L’adesione dei lavoratori di Roma Tpl allo sciopero è anche una risposta a questo attacco”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»