Berlusconi detta il governo: "20 ministri, 12 tecnici. A Cottarelli la 'Spending Review'" - DIRE.it

Politica

Berlusconi detta il governo: “20 ministri, 12 tecnici. A Cottarelli la ‘Spending Review'”

ROMA – “Abbiamo pronto un ministero per la Spending Review. Vorremmo dare a Carlo Cottarelli un posto da ministro dando lui il potere di fare tagli per la spesa pubblica. Non so se lui ci dirà di sì ma ha le caratteristiche a cui noi pensiamo”. Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in diretta su Rai 3 alla trasmissione “Mezz’ora in più”.

“Il nostro Governo- continua Berlusconi- sarà composto da venti ministri. Dodici dovranno essere non politici di professione ma imprenditori, manager, professionisti, rettori, professori e alti gradi del terzo settore che non abbiano mai fatto politica ma che abbiano mostrato di saperci fare e di saper realizzare obiettivi concreti che si erano posti. Quindi stimabili da tutti”.

Berlusconi ribadisce poi la sua contrarietà a un governo di scopo. “La costituzione- spiega- prevede, dato che non si può restare senza un Governo, che vada avanti il governo attuale fino alle nuove elezioni. Non ho mai parlato di un governo di scopo presieduto da Gentiloni”.

Questa ipotesi, comunque, per Berlusconi non si avvererà: “Mi sembra chiaro, per quello che dicono i sondaggi, che le prossime elezioni le vincerà il centrodestra. Conto di portare Forza Italia al 25% e la coalizione al 45%. Così potremmo avere una stragrande maggioranza per governare e affidare al Paese cinque anni di stabilità. Oggi non c’è più il pericolo che vincano i 5 stelle”.

 

11 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»