Macerata, oltre diecimila al corteo antirazzista. Strada: “Siamo qui per dire no alla violenza dilagante”

MACERATA – “Rifiuto del terrorismo, rifiuto della violenza, rifiuto della guerra, rifiuto del fascismo e il rifiuto di questa specie di cultura della violenza e della paura che sta dilagando in Italia”, con queste parole il fondatore di Emergency, Gino Strada, spiega all’agenzia “Dire” i motivi della sua partecipazione al corteo antifascista e pacifico che si sta svolgendo a Macerata. E sul fatto che le istituzioni stiano sottovalutando o meno il ritorno dell’estrema destra, Strada aggiunge: “Assolutamente si'”. Quindi perentorio conclude: “Non e’ sottovalutazione, non fanno un cazzo!”.

MACERATA, CHIUSE LA MAGGIOR PARTE DELLE ATTIVITÀ DEL CENTRO
Città Blindata e deserta. Le scuole e l’Universita’ sono chiuse. E all’ora di pranzo anche la maggior parte dei negozi e delle attivita’ ha abbassato le serrande. Non le riaprira’ nel pomeriggio. Percorrendo la strada che da Corso Garibaldi porta a piazza della Liberta’, in pieno centro storico, si incontrano pochissime persone. Perlopiu’ poliziotti e carabinieri che presidiano un territorio spaventato. Diversi commercianti ed esercenti hanno coperto le vetrate con dei pannelli per paura che il corto antifascista, che passera’ all’esterno delle mura del centro, possa’ generare atti vandalici. “Stiamo chiudendo per paura della manifestazione- spiega alla Dire Paolo, titolare della ‘Tazza Ladra’ in piazza Annessione-. Ho paura che ci possano essere dei tafferugli”.  Come lui hanno fatto tanti altri. “Eravamo tutti d’accordissimo con il sindaco: la manifestazione non andava fatto- continua Paolo-. Non avremmo assolutamente voluto perche’ gia’ una settimana fa abbiamo subito uno choc enorme. Oggi tornare ad avere paura non era il proprio caso. Non perche’ Macerata non e’ una citta’ antifascista. Abbiamo sempre dimostrato di essere antifascisti. Ma e’ troppo presto, troppo a ridosso di quello che e’ accaduto. E in piu’ non credo ci sia bisogno di dimostrare nulla perche’ lo abbiamo sempre dimostrato”.

CIVATI: SÌ A CORTEI ANTIFASCISTI SE SPARA UN FASCISTA
“Finora e’ andato tutto come doveva andare e l’auspicio e’ che si possano fare le manifestazioni antifasciste quando c’e’ un fascista che spara per strada”, cosi’ Pippo Civati (Leu) commenta all’agenzia Dire il corteo al quale ha preso parte oggi a Macerata. Quindi spiega il senso della sua convinta partecipazione: “Mi sto battendo perche’ si capisca che quella di oggi e’ una manifestazione che inevitabilmente e’ diventata di parte ma che poteva essere interpretata da tutte le forze politiche. Negli altri Paesi quando succede quel che e’ successo a Macerata, sono tutti impegnati con una testimonianza diretta: presidenza della Repubblica, governo e Camere. Da noi invece e’ diventata una questione di dibattito e secondo me questo e’ il primo errore. Il mio non e’ un appello polemico- precisa Civati- ma e’ un appello alla responsabilita’”. Quindi sul fatto che a fine febbraio a Roma ci sara’ la manifestazione nazionale, Civati scandisce la consecutio temporum del suo pensiero: “Li’ ci saranno tutti, ma e’ chiaro che la manifestazione era questa. Senza essere provocatorio, ma e’ oggi, in questi giorni, in questa settimana che la politica doveva dare una risposta. Tutta la politica”. Chi non ha partecipato vuol dire che sottovaluta il problema? -gli viene chiesto-. “Il fascismo non torna con le stesse sembianze di 100 anni fa, torna con alcuni riflessi che vanno interpretati e contrastati”.

10 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»