Razzismo, aggressione a Partinico: 7 arresti

PALERMO – Sette persone sono state arrestate dai carabinieri di Partinico per l’aggressione subita da sei giovani migranti la notte di Ferragosto nei pressi della spiaggia ‘Ciammarita’ di Trappeto, nel Palermitano. I sette sono accusati di lesioni e violenza privata, aggravati dalla finalità dell’odio etnico e razziale. Quattro di loro sono finiti in carcere, gli altri tre ai domiciliari.

Leggi anche: Far West Italia, ecco tutti gli episodi di violenza razzista negli ultimi mesi

I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Palermo al termine di una indagine condotta dall’aggiunto Marzia Sabella insieme con i sostituti Giorgia Spiri e Andrea Fusco. Tra gli indagati anche due donne.

Il raid scattò la notte di Ferragosto contro il gruppo di giovani extracomunitari di origine gambiana, ospiti della comunità-alloggio ‘Mediterraneo’ di Partinico, e una educatrice che lavora nel centro. Le indagini sono scattate dopo la denuncia delle vittime: secondo quanto ricostruito, i giovani migranti che si trovavano sulla spiaggia per festeggiare la notte di Ferragosto furono insultati e aggrediti con violenza da alcuni degli arrestati. Nei loro confronti pronunciate anche frasi razziste.

Il gruppo riuscì a salire sul mezzo per rientrare in comunità ma fu inseguito e raggiunto in auto dagli aggressori: una volta bloccati i migranti, insieme con i loro familiari furono costretti a scendere dal veicolo per poi aggredirli nuovamente con calci, pugni, bastoni e pietre.

Le vittime, cinque delle quali minorenni, hanno subito lesioni e contusioni con prognosi tra i quattro e i venti giorni.

5 Settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»