Frecciarosa 2019, torna la prevenzione del tumore al seno sui treni

Visite gratuite su treni veloci, regionali e intercity per la nona edizione dell'iniziativa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Combattere il tumore al seno, sensibilizzare alla cultura della prevenzione e promuovere la salute di tutta la famiglia attraverso corretti stili di vita. Per tutto il mese di ottobre torna ‘Frecciarosa‘, l’iniziativa dedicata alla prevenzione delle malattie femminili che prevede per tutto il mese di ottobre visite specialistiche e consulenze gratuite rivolte ai viaggiatori su Frecce, InterCity, regionali e nei Freccia Lounge di Roma Termini e Milano Centrale. Promossa dal Gruppo Fs Italiane e dall’Associazione IncontraDonna Onlus, con il patrocinio della presidenza del consiglio dei ministri e del ministero della Salute e la partecipazione di Farmindustria, la IX edizione della campagna è stata presentata oggi a Roma al ministero della Salute.

“Non mancherà mai l’impegno delle istituzioni- ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza- nel sostegno alle politiche di prevenzione”. Tra le novità di quest’anno, un numero sempre maggiore di treni coinvolti nell’iniziativa per raggiungere sempre più persone. Sarà infatti possibile sottoporsi a visite, ecografie e consulenze sui convogli regionali in Sardegna, Campania, Umbria e Molise, sugli InterCity in Sicilia, sui Frecciargento da e per la Puglia e sui Frecciabianca per Reggio Calabria. Inoltre, sarà distribuito gratuitamente nelle sale club Trenitalia il ‘Vademecum della salute’ ricco di indicazioni utili per la salute, con argomenti che spaziano dagli stili di vita alle malattie croniche, a quelle oncologiche.

“Il treno favorisce conoscenza e comunicazione, ma è anche luogo dove poter fare prevenzione- ha commentato Gianfranco Battisti, ad e direttore generale del Gruppo Fs Italiane- Uno spazio privilegiato in cui ricevere da specialisti volontari informazioni mediche su corretti stili di vita e accrescere la propria cultura della prevenzione che è l’arma più efficace per combattere le malattie oncologiche. È questo l’obiettivo di ‘Frecciarosa’, tradizionale appuntamento giunto alla sua nona edizione. Anche quest’anno le persone avranno la possibilità di utilizzare i tempi di viaggio per incontrare medici specialisti, ricevere consulenze e fare visite gratuite“.

‘Frecciarosa 2019’ porta anche quest’anno delle novità, che si aggiungono agli ‘ecografi di Barbara’, già utilizzati con grande successo lo scorso anno, speciali strumentazioni portatili dedicati a una donna di coraggio, seguita dall’Associazione IncontraDonna Onlus nel suo percorso. “Proprio attraverso una delle visite che ho fatto a bordo dei treni- ha raccontato Adriana Bonifacino, presidente dell’associazione- il 3 ottobre 2018 ho diagnosticato, su un regionale Cagliari-Sassari, il primo tumore del seno della scorsa edizione. Il nostro scopo è anche e soprattutto questo: avvicinare alla prevenzione chi, per molteplici motivi, si sottrae ad esami che possono essere considerati dei veri salvavita; fornire informazioni corrette e strumenti per proteggere il nostro stato di salute”.

La cultura della prevenzione è infatti fondamentale, dal momento che ogni anno in Italia circa 53mila donne ricevono una diagnosi di tumore al seno (1-2% nell’uomo) e circa 800mila vivono la malattia, di cui 30mila in fase avanzata o metastatica. Inoltre, alle socie ‘Carta freccia’ che hanno prestato il consenso ad essere contattate, sono riservati buoni sconto per viaggiare, entro il 31 ottobre 2019, su tutti i treni Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, InterCity e InterCityNotte in tutte le classi e livelli di servizio. Le ultime otto edizioni del ‘Frecciarosa’ hanno registrato un importante successo: oltre 9 milioni di viaggiatori Trenitalia in totale intercettati dall’iniziativa, oltre 5mila visite e consulenze gratuite a bordo treno e in stazione e circa 500mila Vademecum della Salute distribuiti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»