VIDEO | Turismo, Confesercenti a Franceschini: “Legge speciale per Firenze-Venezia”

In una lettera al ministro del Turismo, Confesercenti chiede una legge speciale per Firenze e Venezia, le città d'arte più colpite dalla 'pandemia economica' provocata dal Covid
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Sono le città d’arte più colpite dalla ‘pandemia economica’ sprigionata dal covid, per questo serve una legge speciale per Firenze e Venezia. Lo chiede la Confesercenti in una lettera inviata la ministro del Turismo, Dario Franceschini, firmata dal presidente di Confesercenti Firenze, Santino Cannamela, e da Cristina Giussani, presidente di Confesercenti metropolitana di Venezia. Con la missiva, spiega Cannamela, “nasce un gemellaggio tra le due città“, perché “il tessuto economico, turistico e commerciale dei due centri storici è stato fortemente destabilizzato” dalla pandemia.

“Da oggi, quindi, per le due Confesercenti parte un percorso che speriamo ci porti ad incontrare il ministro”. In sostanza, con l’iniziativa “chiediamo massima attenzione su tutta la filiera turistica, che non è legata soltanto ad alberghi, ristoranti o bar. Da noi, infatti, i flussi turistici impattano” su una fetta più larga, “anche sulle edicole o le lavanderie, ad esempio”. Per questo, prosegue Cannamela, è necessario “rivedere alcune norme nazionali. Tra tutte, che si sorpassi la Bersani-Monti, perché la massificazione dell’offerta, dovuta alle liberalizzazioni e poi alla deregulation di Monti, ha portato al disastro economico”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Turismo, allarme Cgil a Firenze: “Chiuse l’80% delle strutture”

Il punto, in questo caso, è permettere ai Comuni di fissare un tetto sulle locazioni turistiche, oppure incidere di più sull’utilizzo degli spazi, ragiona il presidente facendo una serie di esempi pratici impediti dalla normativa vigente. Nella lettera l’associazione di categoria chiede al ministro “misure immediate, che accompagnino le aziende del settore” almeno per tutto il 2020, allungano il sostegno ai professionisti al 2021.

Oltre a questo, servono “scelte coraggiose, come l’istituzione di zone franche”, ovvero no tax area, “con fiscalità di vantaggio per imprese e visitatori”. Inoltre “riteniamo indispensabile l’abbattimento del costo del lavoro e l’introduzione di elementi di flessibilità”, come voucher “e incentivi, in forma di decontribuzione, per chi riassume i lavoratori”.

La missiva affronta anche la questione locazioni, dove “occorre una normativa, serie e intelligente, per regolamentare il settore, con vincoli stringenti”. Confesercenti, poi, torna sulla necessità di avere guide turistiche specializzate sull’ambito locale, “certificata con esami pubblici e aggiornamento continuo”.

“FLUSSI 2019 TORNERANNO TRA 4 ANNI”

I flussi turistici registrati nel 2019 “ritorneranno tra tre, quattro anni”. Complessivamente però “ci vorrà forse un decennio per recuperare l’economia che abbiamo avuto lo scorso anno“. Le stime, nerissime, le fa Santino Cannamela, presidente di Confesercenti Firenze. “Centri storici come il nostro, o quello di Venezia”, due città su cui l’associazione chiede una legge speciale in una lettera inviata al ministro del Turismo, Dario Franceschini, “saranno devastati economicamente da questa vicenda”.

I primi segnali di ripresa, conclude, “si vedranno da marzo 2021“. Per questo Cannamela mette in guardia da rischi di infiltrazioni o speculazioni in un settore “in questo momento molto fragile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»