Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Cinema, edizione del 30 giugno 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– PUPI AVATI BATTE IL CIAK PER ‘DANTE’

Dopo il successo ottenuto con ‘Lei mi parla ancora’, Pupi Avati torna dietro la macchina da presa per ‘Dante’. Il film narra la vita del sommo poeta Dante Alighieri, qui interpretato da Alessandro Sperduti, raccontato da Giovanni Boccaccio, qui interpretato da Sergio Castellitto, primo biografo del padre della lingua italiana. “Diciotto anni prima che ti sia concesso di realizzare un film. Lo avevi nitido nel 2003 quando hai scritto la prima versione del soggetto. Nel frattempo hai fatto altro”, ha dichiarato Avati. “Poi, finalmente, incontri chi ti ascolta e non rimanda. Che si realizzi nell’Italia di oggi, in cui le gerarchie di cosa e di chi conti è dettato da ben altro, un film sulla vita di Dante Alighieri ha dell’inverosimile. Non oso ancora crederci”, ha concluso il regista. Le riprese dureranno undici settimane tra Umbria, Marche, Toscana, Emilia-Romagna e Roma.

– QUENTIN TARANTINO CONFERMA IL RITIRO DALLE SCENE

Quentin Tarantino debutta in libreria con il suo primo romanzo ‘C’era una volta a Hollywood’, edito La Nave di Teseo, e annuncia l’addio al cinema dopo il suo prossimo film.  “Ora sono al mio massimo livello, è per quello che voglio farlo. Conosco la storia del cinema e da questo punto in poi i registi non migliorano. Ho ancora un film da fare”, ha detto il regista ospite del talk show ‘Real Time with Bill Maher’. Ancora non sono stati svelati dettagli sul nuovo e ultimo progetto cinematografico, ma Tarantino ha dichiarato di aver considerato la possibilità di fare un reboot del suo ‘Le iene’.

– ‘LA TERRA DEI FIGLI’ DI CUPELLINI, DALL’1 LUGLIO AL CINEMA

Il primo luglio debutta al cinema ‘La terra dei figli’ di Claudio Cupellini. Il film – tratto dall’omonimo graphic novel di Gipi, pubblicato nel 2016 – racconta la fine della civiltà. Tra i pochi superstiti c’è un padre e un figlio. La loro esistenza è ridotta a lotta per la sopravvivenza.  In questo mondo regredito, il padre affida a un quaderno i propri pensieri, ma quelle parole per suo figlio sono segni indecifrabili. Alla morte del padre, il ragazzo decide di intraprendere un viaggio alla ricerca di qualcuno che possa svelargli il senso di quelle pagine misteriose. Nel cast Valerio Mastandrea, Valeria Golino, Leon De La Vallée, Paolo Pierobon, Fabrizio Ferracane, Maurizio Donadoni e Franco Ravera.

– KEVIN SPACEY RITORNA SUL GRANDE SCHERMO

Nel 2017 la caduta dopo le accuse di molestie, ora torna al cinema. Kevin Spacey ha ottenuto il suo primo lavoro da attore a quattro anni dalle dichiarazioni di Anthony Rapp, attore di ‘Rent’ e ‘Star Trek: Discovery’, il quale ha affermato pubblicamente di essere stato molestato all’età di 14 anni dal due volte premio Oscar. Per Spacey un ruolo secondario in un film indipendente italiano. Si tratta de ‘L’uomo che disegnò Dio’ di Franco Nero. La moglie del regista, Vanessa Redgrave, ha scelto di prendere pubblicamente le distanze dal progetto. Per le presunte vittime della star di ‘House of Cards’, come si legge su Variety, la notizia del suo casting rappresenta un ricordo spiacevole di un periodo che avrebbero preferito dimenticare. “È sicuramente una spina nel fianco ogni volta che fa qualcosa che diventa una storia”, ha detto un individuo, che sostiene di essere stato palpeggiato da Spacey a Londra nel 2007.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»