Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Webinar ‘Protocollo Napoli’ su violenza domestica e affido

protocollo napoli
A confrontarsi su questi temi ci saranno magistrati e psicologi. L'incontro su zoom è previsto per domani 1 luglio dalle 16 alle 18:30
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Domani dalle 16 alle 18.30 il ‘Protocollo Napoli’ promuove un webinar su “Violenza domestica e affidamento di figli minorenni nell’ambito della Convenzione di Istanbul”. Magistrati e psicologi si confronteranno sui seguenti argomenti: la nuova frontiera delle CTU e i principi del protocollo Napoli; l’ istruttoria per prevenire i procedimenti ingiusti e far emergere la violenza e infine l’ascolto del minore: dare spazio alla volontà del minore e superare i trattamenti coercitivi.

Partecipano Roberto Carrelli Palombi, Presidente del Tribunale di Siena; Geremia Casaburi, Presidente della Sezione Civile, Tribunale di Nola; Maria De Luzenberger, Procuratrice presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli; Francesco Menditto, Procuratore presso il Tribunale di Tivoli e Monica Velletti, Presidente della Sezione Civile, Tribunale di Terni. Introduce Caterina Arcidiacono dell’Università Federico II di Napoli e modera Antonella Bozzaotra.

Al tavolo del dibattito ci saranno Gabriella Ferrari Bravo, Elvira Reale, Ester Ricciardelli, psicologhe del Protocollo Napoli. Il webinar si terrà su zoom, per prenotarsi basta scrivere a: [email protected]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»