Coronavirus, l’infettivologo: “Test anticorpi per scoprire chi è già immune. I contagiati saranno qualche milione”

Per l'infettivologo Matteo Bassetti l'unico modo per avere una mappatura reale della diffusione del virus è fare l'esame degli anticorpi nel sangue ad ampie fasce di popolazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Occorre estendere ad ampie fasce della popolazione (studi a campione su studenti, operatori sanitari, donatori di sangue, forze dell’ordine, quartieri cittadini, ecc) la sierologia (IgM e IgG) per SARS-CoV-2. Solo così potremmo sapere quanti sono stati contagiati, probabilmente moltissimi (qualche milione) e quindi già immuni al virus”. Lo ha scritto ieri sera in un post su Facebook. l’infettivologo Matteo Bassetti, direttore di Malattie Infettive dell’ospedale S. Martino di Genova.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Picco ancora non raggiunto, ma siamo vicini”

“Avremmo così la mappatura della reale diffusione del virus– prosegue- e sapere quanti possono essere tranquilli di aver già superato l’infezione e, ci auguriamo, che non si possono più ammalare. Questo- conclude- è quello che hanno già programmato altri Paesi, come la Germania“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Renzi insiste: “Bisogna pensare a come riaprire, fra poco lo diranno tutti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»