Coronavirus, Renzi insiste: “Bisogna pensare a come riaprire, fra poco lo diranno tutti”

Renzi pensa a uno screening di massa della popolazione o ad una riapertura graduale, magari facendo uscire prima i più giovani. Di una cosa è certo: "Non possiamo restare tutti in chiusi in casa 2 anni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il cataclisma economico in arrivo tra sei mesi avrà un impatto economico addirittura peggiore di quello che sta avendo il Coronavirus sulle nostre vite”, e “l’impatto sociale della crisi economica potrebbe portare a disordini pubblici. Quando la gente muore di fame fa l’assalto ai forni”. Quindi, “nelle prossime ore quello che sto dicendo io lo diranno tutti“.

Matteo Renzi, leader di Italia viva, lo dice in un’intervista a The Post international (www.tpi.it), tornando sul suo “riapriamo il prima possibile” e “le fabbriche devono aprire prima di Pasqua, le scuole il 4 maggio”. Ribadisce Renzi con Tpi: “ad aprile le fabbriche devono riaprire e a maggio o a settembre le scuole. Butto lì delle idee. Facciamo fare almeno ai ragazzi delle terze medie e ai maturandi gli screening di massa. Io ho un figlio che fa la maturità e uno che fa la terza media. Se il test sierologico è affidabile, si individua chi degli studenti ha già preso la malattia”, mentre “dai degli strumenti di protezione a quei ragazzi che non sono immuni”.

LEGGI ANCHE: Renzi: “Riaprire le fabbriche prima di Pasqua e le scuole il 4 maggio”

“FARE SCREENING DI MASSA ALLA POPOLAZIONE”

Più in generale, è la ricetta del leader di Iv, “si fa lo screening di massa alla popolazione tramite le analisi del sangue. Si pensa a una sorta di ‘pass covid’, Gli operai devono lavorare col social distancing, con le mascherine”. Certo, se chi ha avuto la malattia è davvero immune “non è ancora certo, ma gli esperti dicono che nelle prossime settimane si chiarirà”, aggiunge Renzi.

“IL MODO IN CUI CONVIVERE COL VIRUS LO DEVONO TROVARE I POLITICI”

Il fatto è che “se seguiamo solo gli esperti, finché non c’è il vaccino dobbiamo stare fermi. Il modo in cui dovremo imparare a convivere col Coronavirus lo devono trovare i politici“, prosegue Matteo Renzi, leader di Italia viva.

LEGGI ANCHE: La mappa della fame regione per regione: in Campania più di mezzo milione di persone in difficoltà

“NON POSSIAMO RIMANERE CHIUSI IN CASA DUE ANNI”

“Il politico ha un onere diverso però, deve avere anche quella distanza emotiva che permetta di vedere e di prevedere”, prosegue Renzi, per cui “non possiamo rimanere tutti chiusi in casa per due anni, non si possono raccontare balle alle persone dicendo che il virus sarà sconfitto nel breve termine”. Quindi “per me l’unica strada possibile è non dico quella israeliana, ma è la riapertura differenziata per età– afferma Renzi-. So che è pesante, ma chi ha 70 anni, uscirà dopo chi ha 20 anni. Gestendola, non rincorrendola, dovremo trovare una nuova normalità“.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Salvini: “Cosa si fa sulla scuola? Dare certezze agli italiani”

“NON SI RISOLVE TUTTO CON L’ASSISTENZIALISMO”

Intanto, conclude il leader di Iv, i buoni spesa per i quali sono stati stanziati 400 milioni, “vanno bene, è una soluzione che ha voluto la Bellanova non polemizzo. La gente ha delle priorità ed è giusto accontentarle. Ma non si può pensare di risolvere tutto con l’assistenzialismo, perché poi ti ritrovi tra sei mesi col debito al 150% e i balconi diventano forconi. La pandemia diventa carestia“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»