VIDEO | Hashish dalla Spagna a Palermo in pacchi regalo, nove misure cautelari

La droga veniva spedita a nominativi di fantasia localizzati nel centro città, zone di competenza di uno dei componenti della banda che lavorava come autista
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO –  Importavano hashish dalla Spagna per il mercato di Palermo. La droga veniva spedita all’interno di pacchi regalo affidati a corrieri internazionali e destinati a nominativi di fantasia localizzati nel centro citta’, zone in cui era competente per le consegne uno dei componenti della banda che lavorava come autista e una societa’ di spedizioni estranea al traffico. I finanzieri del Comando provinciale di Palermo hanno eseguito nove misure cautelari su ordine del gip nei confronti di altrettanti indagati accusati di organizzazione e traffico di droga.

L’inchiesta, denominata ‘Chorus-Pacco regalo’, e’ dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo con il coordinamento dell’aggiunto Salvatore De Luca. Tre dei nove sono finiti in carcere e due ai domiciliari, mentre per altri quattro e’ scattato l’obbligo di dimora a Palermo. In carcere sono finiti Alessandro Girgenti, Gerardo Romano e Giuseppe Di Francesco, di 36, 32 e 31 anni. Filippo Miranda e Giuseppe Lo Coco, rispettivamente di 30 e 29 anni, agli arresti domiciliari, mentre i quattro sottoposti a obbligo di dimora sono: Francesco Paolo Taormina (29 anni), Giovanni Ferrara (31 anni), Antonio Buccafusca (32 anni) e Benedetta Altieri (50 anni). Gli organizzatori del traffico, secondo la ricostruzione degli specialisti antidroga del Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria delle fiamme gialle di Palermo, si recavano personalmente in Spagna per organizzare le spedizioni. Il componente della banda che aveva il ruolo di autista per la ditta di spedizioni a Palermo riusciva a recuperare i pacchi provenienti dalla Spagna e li consegnava agli altri componenti dell’organizzazione criminale che ne erano gli effettivi proprietari. Ricostruite spedizioni per oltre 180 chili di droga, per un valore di mercato pari a due milioni di euro. Gli accertamenti sulla situazione patrimoniale degli indagati, inoltre, hanno fatto emergere “l’assoluta sproporzione – dicono le fiamme gialle – tra i beni nella disponibilita’ degli indagati e la loro capacita’ economica”. I controlli, condotti con il software ‘Molecola’ in dotazione ai reparti investigativi della guardia di finanza, hanno evidenziato che gli indagati e i rispettivi nuclei familiari, nell’ultimo decennio, a fronte di redditi leciti per circa 430mila euro, avrebbero sostenuto spese e acquisti per oltre 1,2 milioni di euro. Da qui la decisione di sequestrare conti correnti, veicoli e imprese per un valore complessivo di 500mila euro. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»